Sede di Roma

Strategia Nazionale per lo Sviluppo sostenibile

La posizione della Conferenza delle Regioni

La Strategia Nazionale per lo Sviluppo Sostenibile si propone di indirizzare le politiche, i programmi e gli interventi per la promozione dello sviluppo sostenibile in Italia, coerentemente con quanto esplicitato dall’Agenda 2030 della Nazioni Unite.

Il principio guida, sin dalla seconda conferenza delle Nazioni Unite su ambiente e sviluppo di Rio de Janeiro del 1992, è quello che lo sviluppo debba essere ispirato al concetto di sostenibilità, coniugando lo sviluppo economico e sociale con la protezione dell'ambiente.

L’Italia si è dotata di una Strategia Nazionale di azione ambientale per lo Sviluppo Sostenibile sin dal 2002, con l'approvazione di un'apposita delibera del Comitato interministeriale programmazione economica (Cipe). Ogni tre anni la strategia viene aggiornata dal Governo con il collegato ambientale, su proposta del Ministero dell'Ambiente, sentita la Conferenza Stato-Regioni e acquisito il parere delle associazioni ambientali, e poi attraverso apposita delibera del CIPE.

In questo percorso il Ministero dell’Ambiente si impegna a coinvolgere gli attori istituzionali, comprese le Regioni, la comunità scientifica, il mondo produttivo ed economico e la società civile per elaborare una proposta di aggiornamento della Strategia Nazionale per lo Sviluppo Sostenibile che, in linea con i 17 Obiettivi e 169 sotto-obiettivi dell’Agenda 2030, possa dare seguito agli impegni internazionali assunti dall’Italia.

La Conferenza delle Regioni del 3 Agosto 2017 ha condiviso i contenuti del documento del Governo sulla Strategia Nazionale per lo Sviluppo Sostenibile ed ha, pertanto, espresso parere favorevole. Ha, contestualmente, chiesto di costituire un Tavolo interistituzionale, composto dalle regioni e dai ministeri con un duplice obiettivo:

  • nella fase dedicata all’affinamento dei contenuti dell’attuale documento, con particolare riferimento ai target e al loro adattamento alla realtà italiana, permetta la consultazione e la condivisione delle integrazioni con il sistema delle Regioni che possono mettere a disposizione una conoscenza di dettaglio delle proprie realtà territoriali nelle diverse aree di intervento della Strategia; tale elemento, crediamo, possa contribuire a definire obiettivi concreti e di più facile approccio attuativo a livello territoriale e locale;
  • in fase attuativa, l’identificazione delle azioni di coordinamento per garantire l’allineamento degli strumenti di programmazione e attuazione regionale con la strategia nazionale, che pur tenendo necessariamente in debito conto gli specifici bisogni dei singoli territori, garantisca lo sviluppo di strategie, piani nazionali e regionali fortemente interconnessi.

 

Azioni sul documento
Pubblicato il 11/08/2017 — ultima modifica 11/08/2017
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it