Sede di Roma

Ordine del giorno su emergenza siccità

All'esame della Conferenza delle Regioni del 25 ottobre 2012

I primi effetti del surriscaldamento del nostro pianeta si stanno notando con i cambiamenti climatici in atto. Se fino ad ora avevamo assistito ad un aumento delle temperature medie annue, questo 2012 si è segnalato per alcuni eventi atmosferici estremi: le straordinarie nevicate di febbraio e la siccità ed il caldo torrido di questa estate. Questi eventi climatici hanno messo al tappeto le aziende agricole, già in difficoltà a causa della crisi economica e all’invadenza di una concorrenza extra-comunitaria non sempre leale. Molti raccolti sono stati compromessi, mentre due settori importanti, come quelli della viticoltura e dell’olivicoltura, stanno contando i danni ora, in vista di raccolti certamente meno abbondanti.

Per evitare un tragico collasso delle imprese agricole, alle quali necessitano ora nuove risorse per preparare i terreni alla prossima stagione, bisogna individuare aiuti concreti. In questo senso, è già stata ottenuta dalla Commissione Europea l’autorizzazione ad anticipare al prossimo 16 ottobre l’erogazione degli aiuti PAC 2012 verso quelle aziende che ne hanno diritto.

A livello nazionale esiste un fondo della Protezione Civile per fronteggiare le emergenze, ma è inadeguato rispetto ai danni registrati. Invece il fondo di solidarietà nazionale, che può intervenire per danni da neve o da grandine, esclude i danni da siccità. Occorre, quindi, un piano di interventi straordinari per consentire alle aziende agricole di superare la situazione di difficoltà. Interventi che possono essere di breve e lungo termine. Le Regioni hanno individuato, tra i primi, misure di riduzione degli oneri previdenziali, agevolazioni al credito attraverso gli strumenti della Cassa DD.PP. e deroghe al piano assicurativo per attivare interventi compensativi. Sul lungo termine bisognerà lavorare sulle infrastrutture che agevolino una corretta e funzionale gestione dell’acqua, inoltre, tra le misure della nuova PAC, dovrà esserci il rilancio delle assicurazioni agevolate.

La Conferenza delle Regioni del 25 ottobre 2012 è chiamata ad approvare un ordine del giorno dai contenuti sopra descritti, proposto dagli Assessori regionali all’agricoltura, per delineare gli interventi da concordare con il Governo.

Azioni sul documento
Pubblicato il 25/09/2012 — ultima modifica 22/10/2012
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it