Sede di Bruxelles

State of the Union 2017 - il discorso del Presidente Juncker al Parlamento Europeo

Il 13 settembre il Presidente della Commissione Europea ha presentato al Parlamento Europeo, riunito in sessione plenaria a Strasburgo, il suo discorso annuale sullo Stato dell'Unione Europea. Il Presidente Juncker ha presentato la sua visione sul futuro dell'UE e una tabella di marcia per un'Unione più unita, più forte e più democratica.

Nel suo discorso il Presidente Juncker ha presentato i progressi compiuti dall’UE in termini di crescita e occupazione e il progetto di programma di lavoro della Commissione Europea fino a fine 2018. 5 le linee di lavoro prioritarie individuate per il 2018: rafforzare l'agenda europea in materia di commercio, rafforzare e rendere più competitiva l’industria UE, guidare la lotta ai cambiamenti climatici, proteggersi i cittadini europea nell'era digitale, gestire la migrazione in modo complessivo.

Il dibattito sul futuro dell'UE - Nel marzo 2017, la Commissione Europea ha presentato il Libro Bianco sul Futuro dell'Europa, individuando cinque possibili scenari e aprendo un dibattito che coinvolge cittadini, parlamenti nazionali, autorità regionali e locali assieme alle Istituzioni Europee. Durante il discorso sullo Stato dell'Unione del 13 settembre, il Presidente Juncker ha presentato un "sesto scenario" sulla base della sua visione dell'UE. Tre i principi fondamentali - libertà, eguaglianza e rule of law alla base della costruzione di un'Unione più unità, forte e democratica. Tra gli elementi che compongono questo scenario, il rafforzamento del mercato interno e dell’unione bancaria, la creazione di un fondo monetario europeo, la nomina di un Ministro europeo dell’economia e delle finanze e il rafforzamento di un bilancio dei paesi dell’eurozona, sostegno allo sviluppo del pilastro europeo dei diritti sociali, maggiore cooperazione europea in materia di difesa e lotta al terrorismo. Al fine di aumentare la democrazia e la vicinanza con i cittadini il Presidente propone la creazione di una task force sulla proporzionalità e sussidiarietà e l'introduzione di liste transnazionali per la prossima campagna elettorale europea. Il Presidente Juncker ha introdotto l'idea di unificare le figure dei Presidenti della Commissione Europea e del Consiglio Europeo, per far si che un singolo presidente rifletta la natura dell'UE come unione di stati e unione di cittadini. 

La tabella di marcia verso un'Unione più unita, più forte e più democratica - Il Presidente Juncker ha presentato una roadmap che copre il periodo tra settembre 2018 e il 30 Marzo 2019, quando, all'indomani dell'uscita ufficiale del Regno Unito dall'UE, i leader europei si potrebbero riunire a Sibiu (Romania). Il possibile Consiglio Europeo Straordinario prenderebbe all'unanimità la decisione finale sul futuro dell'Europa. A Giugno 2019 si terranno invece le elezioni del Parlamento Europeo. 

 Il Discorso sullo Stato dell'Unione - Il Presidente della Commissione Europea tiene ogni anno un discorso sulla situazione politica ed economica dell'Unione Europea e sulle priorità per l'anno a seguire. Al discorso fa seguito un dibattito in sessione plenaria del Parlamento Europeo. Con il discorso sullo Stato dell'Unione prende avvio il dialogo con Parlamento europeo e Consiglio verso la definizione del programma di lavoro della Commissione per l’anno successivo.

Per saperne di più:

 

Azioni sul documento
Pubblicato il 14/09/2017 — ultima modifica 14/09/2017
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it