Vasco Errani

Presidente della Regione Emilia-Romagna

Trasporto pubblico locale, il Governo sblocca 425 milioni

Roma (1 marzo 2012) - Dopo aver chiuso in tempo record l’accordo sul riparto del Fondo sanitario nazionale 2012 da 108,8 miliardi di euro, le Regioni sono riuscite a segnare un altro importante punto a loro favore. Otterranno a brevissimo i 425 milioni che erano stati loro promessi dal Governo con un accordo del dicembre 2010 per avere tutte le risorse necessarie a finanziare il trasporto pubblico locale (Tpl) nel 2011. Non solo: presto si siederanno nuovamente tutti insieme attorno a un tavolo per definire i contenuti di un nuovo Patto sul trasporto “per fare sì - come ha spiegato il presidente della Conferenza delle Regioni, Vasco Errani - che non sia necessario, ogni anno, ridiscutere di questo problema”. “C’è da fare un lavoro serio, senza soluzioni a priori sulle risorse - ha aggiunto Errani - per dare efficienza e qualità ai servizi e quindi più valore al trasporto pubblico locale. Ritengo che ci possano essere le condizioni per dare una risposta vera e programmata”.

“E’ stato un incontro positivo: il Governo sbloccherà 425 milioni di euro che doveva per il 2011 - ha assicurato il ministro per i Rapporti con le Regioni, Piero Gnudi -: seguiranno altri incontri con le Regioni per ragionare sul finanziamento del trasporto pubblico locale per i prossimi anni, cercando di raggiungere, al tempo stesso, una maggiore efficienza”.

L’accordo prevede inoltre lo sblocco di 970 milioni a favore dell’edilizia sanitaria: i fondi saranno ripartiti in base ad accordi di programma già stipulati tra le Regioni e il ministero della Salute. Saranno inoltre sbloccati e spostati dall’edilizia sanitaria al trasporto pubblico locale altri 148 milioni.

Un piccolo bottino di risorse importanti e vitali per le Regioni. A tutto questo si aggiunge l’accordo trovato con il ministro della Salute, Renato Balduzzi, in tema di riparto del Fondo sanitario 2012. Il ministro non solo ha dato il proprio ok alla proposta messa a punto dalle Regioni, ma ha anche acconsentito affinchè una quarantina di milioni di fondi vincolati al raggiungimento di determinati obiettivi siano già da subito messi a disposizione delle Regioni affinchè tutte possano ottenere un incremento rispetto al 2011.

Errani, dopo l’incontro con Balduzzi, al ministero della Salute, ha espresso “profonda soddisfazione per l’atteggiamento del ministro che ci consente di chiudere definitivamente il Riparto 2012”. Il ministero della Salute e le Regioni si sono dette quindi pronte per lavorare alla costruzione del Patto per la salute (2013-2015) “in modo che possa rappresentare un passaggio fondamentale per la sanità del nostro Paese e sul quale, sin dalla prossime settimane, comincerà il lavoro di merito”.

Azioni sul documento
Pubblicato il 02/03/2012 - ultima modifica 02/03/2012
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it