venerdì,  9 novembre 2018

Dai caprioli alle volpi, l'avviso per affidare il servizio di soccorso e cura degli animali selvatici feriti o in difficoltà

Caselli: “A favore della collettività". Unica convenzione per ciascuna provincia. Le candidature da presentare entro il 30 novembre

istrice fauna selvaticaGarantire su tutto il territorio regionale per l’anno 2019 il soccorso e la cura di esemplari di caprioli, volpi o altri animali selvatici feriti, ad esempio dopo essere stati investiti da un’autovettura di passaggio, oppure che si trovano in difficoltà per mancanza di cibo a seguito di un’intensa ondata di maltempo.  È ciò che si prefigge l’avviso pubblico approvato dalla Giunta regionale in continuità con il percorso avviato nel 2016, dopo che la Regione ha ‘ereditato’ dalle Province questa competenza.

L’avviso ha come obiettivo la raccolta di manifestazioni di interesse per la stipula di convenzioni per le attività di raccolta, trasporto, cura, riabilitazione e liberazione degli esemplari feriti o in difficoltà. I soggetti che possono partecipare sono i Centri per il recupero degli animali selvatici (Cras) e le organizzazioni di volontariato con finalità statutarie compatibili, queste ultime per le sole attività di raccolta e trasporto. Per presentare le candidature c’è tempo fino al 30 novembre prossimo.

Cosa prevede l’avviso pubblico  

Il bando prevede la stipula di un’unica convezione per ciascuna provincia; la Regione ha stanziato la somma di 300mila euro per coprire le spese che saranno sostenute per svolgere le attività su tutto il territorio regionale. In caso di più candidature nella stessa Provincia, evento non del tutto infrequente, spetterà agli uffici regionali promuovere un confronto tra i soggetti che hanno manifestato il loro interesse, onde evitare sovrapposizioni territoriali nello svolgimento dell’attività.

I soggetti a cui si rivolge l’avviso devono essere dotati delle attrezzature idonee alla cattura, trasporto e cura dei selvatici recuperati e devono garantire che le attività siano svolte grazie all’apporto prevalente di volontari in possesso delle necessarie cognizioni tecniche e pratiche o eventuali abilitazioni professionali.

Tra le altre condizioni espressamente richiamate è prevista la copertura 24 ore su 24, festivi compresi, nei territori dove è prevalente la raccolta e cura di mammiferi selvatici pericolosi per l’uomo, come cinghiali, cervi e lupi. Nelle altre zone sarà sufficiente tenersi pronti ad intervenire all’interno di una fascia oraria ordinaria di otto ore al giorno.capriolo fauna selvatica

La dotazione di 300mila euro, prevista a copertura delle spese, sarà ripartita su base provinciale per il 60% tenendo conto della superficie di ciascun territorio, per un altro 35% sulla base dello storico del numero di capi recuperati e/o curati. La restante quota del 5% sarà ripartita a ciascun Cras od organizzazione di volontariato che si renda reperibile 24 ore su 24.

Per le attività oggetto di convenzione è riconosciuto il solo rimborso dei costi sostenuti. Tra le spese rimborsabili rientrano, a titolo di esempio, i costi connessi ai chilometri percorsi per la raccolta e il trasporto degli animali bisognosi di cure, le spese per il medico veterinario, per esami, analisi, materiali per medicazioni, farmaci e alimentazione terapeutica specifica.

Per informazioni sulle modalità di presentazione delle candidature si può consultare il testo integrale dell’avviso all’indirizzo: http://agricoltura.regione.emilia-romagna.it/entra-in-regione/bandi/bandi-2018/avviso-pubblico-per-soccorso-alla-fauna-in-difficolta-bando-2018

 

 

 

Azioni sul documento

pubblicato il 2018/11/09 10:58:45 GMT+1 ultima modifica 2018-11-09T10:58:45+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina