Sezioni

mercoledì,  1 agosto 2018

2 agosto, 38° anniversario della strage alla Stazione centrale di Bologna. Bonaccini: “Basta depistaggi, serve la verità"

Il presidente della Regione e gli assessori agli appuntamenti previsti nella Giornata della commemorazione delle vittime

Il presidente incontra i familiari delle vittimeDopo 38 anni, “ci apprestiamo a celebrare un anniversario diverso. Un nuovo processo si è aperto a marzo, e c’è una nuova inchiesta, quella sui mandanti, in corso. Siamo vicini a una svolta: basta depistaggi, serve sapere tutta la verità”.
Lo afferma il presidente della Regione, Stefano Bonaccini, che domani, giovedì 2 agosto, parteciperà alla Giornata in memoria delle vittime di tutte le stragi, nel giorno in cui ricorre la strage alla Stazione di Bologna del 2 agosto 1980.

“Come ogni anno- afferma- provo un’angoscia profonda, che è la stessa di Bologna, dei bolognesi e di tutta la società regionale. Una strage tremenda, uno squarcio nella nostra storia, iscritta in una strategia che puntava a destabilizzare le istituzioni, l’intero Paese, con anni passati per arrivare alla condanna in via definitiva degli esecutori materiali, a causa di una serie continua di depistaggi e una complicata vicenda politica e giudiziaria”.“Eppure- prosegue Bonaccini-in tanti non si sono piegati e hanno continuato a chiedere piena verità e giustizia: istituzioni, cittadini e, prima fra tutti, l’Associazione dei familiari delle vittime e il suo presidente Paolo Bolognesi a cui rinnovo tutta la mia solidarietà, vicinanza e riconoscenza”.

A marzo è iniziato il processo per concorso nella strage nei confronti dell’ex Nar Gilberto Cavallini, con l’accusa di aver fornito supporto logistico a Valerio Fioravanti, Francesca Mambro e Luigi Ciavardini, già condannati in via definitiva come esecutori. Non solo: c’è un’inchiesta della Procura generale di Bologna sui mandanti. “Elementi nuovi, importanti- sottolinea Bonaccini- che confermano una volta di più quello che ormai è un dato storico, confermato da rivelazioni, fatti, sentenze: il nostro Paese è stato vittima di un progetto eversivo pericolosissimo e, al tempo stesso, sofisticato e intricato. Un disegno che, oltre a causare tanti morti innocenti, ha messo a rischio la stessa tenuta democratica delle istituzioni repubblicane. Individuare i mandanti, accertare le responsabilità delle zone grigie, degli apparati che hanno ideato o si sono prestati a tale disegno, è ora il compito principale di chi continua a indagare per fare piena luce. Senza dimenticare il tema dei risarcimenti, che non può essere messo in secondo piano”.

Bonaccini ricorda l’impegno della Regione, in particolare dell’assessorato alla Cultura, in un importante progetto portato avanti insieme al Tribunale di Bologna e all’Archivio di Stato, con la collaborazione dell’Associazione dei familiari delle vittime e grazie ai volontari dell’Auser. “Mi riferisco- spiega il presidente- alla digitalizzazione degli atti dei processi sul terrorismo e sulle stragi prodotti dalla Corte d'Assise di Bologna: una mole di lavoro enorme, che è quasi completata. In autunno i documenti saranno pronti, e accessibili a studiosi e interessati”.

Per il presidente della Regione, tutto questo non ci deve però far dimenticare i volti, le storie delle 85 vittime e delle 200 persone la cui vita è stata irrimediabilmente segnata dalla strage. “Perché il 2 agosto torna, puntuale, con il suo carico di dolore, che è privato e collettivo al tempo stesso. Anni bui per la nostra democrazia, una ferita mai sanata, che torna a bruciare a ogni nuova tappa lungo la strada verso una verità che deve essere sancita, a ogni nuovo tentativo di depistaggio, a ogni mancato riconoscimento, a ogni promessa non mantenuta”.  “Ma più forte- conclude Bonaccini- è la volontà di giustizia, il bisogno di verità: per questo ci ritroviamo ogni anno con chi è sopravvissuto, con i familiari di chi non c’è più, con le istituzioni, con tutti i cittadini. Insieme, per il 2 agosto”.

Gli appuntamenti della Giunta regionale per il 2 agostoNella notte del 4 agosto 1974 esplode una bomba a bordo del treno espresso Italicus Roma-Monaco di Baviera in transito a San Benedetto Val di Sambro, in provincia di Bologna. Il bilancio è di dodici morti e cinquanta feriti. Copyright: Archivio Nadalini

Per il presidente Bonaccini la giornata commemorativa inizierà con un incontro coi familiari delle vittime, alle 8.15 nella Sala rossa di palazzo d’Accursio, sede del Comune di Bologna. Successivamente, alle 10, parteciperà con le altre autorità alla cerimonia ufficiale in piazza Medaglie d’Oro. Alle 10.50 sarà presente al primo binario della Stazione centrale per la deposizione di corone alla targa che ricorda il sacrificio del ferroviere Silver Sirotti, deceduto nella strage del treno Italicus.

Nel 38esimo anniversario del 2 agosto, a rendere omaggio a tutte le vittime del terrorismo in rappresentanza della Regione Emilia-Romagna ci saranno anche gli assessori Massimo Mezzetti e Raffaele Donini. Quest’ultimo sarà alle 11.15 al Piazzale Est della Stazione, per assistere alla partenza del treno straordinario per San Benedetto Val di Sambro, in memoria degli attentati ai treni Italicus e 904 Napoli-Milano.

All’evento conclusivo della giornata, previsto per le 21.15 in piazza Maggiore, parteciperà l’assessore Patrizio Bianchi, che assisterà alla 24esima edizione del Concorso Internazionale di Composizione 2 agosto con l’Orchestra della Fondazione Arturo Toscanini.

Azioni sul documento

pubblicato il 2018/08/01 12:43:00 GMT+2 ultima modifica 2018-08-08T16:36:03+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?