martedì,  22 gennaio 2019

Inchiesta agenzie funebri, un Nucleo ispettivo regionale per rafforzare i controlli: "Fatti gravissimi, capire in fretta cosa non ha funzionato"

Voluto dalla Regione, prevede anche verifiche dirette e senza preavviso. Già in calendario un incontro con Ausl e Aziende ospedaliere

Candela, cordoglioUn Nucleo ispettivo regionale, già in fase di costituzione, che avrà il compito di coordinare le Aziende sanitarie nelle attività di verifica, revisione e valutazione delle procedure adottate in ambito funerario. E che potrà effettuare controlli diretti e senza preavviso.

Ha deciso di istituirlo la Regione Emilia-Romagna, con uno specifico obiettivo: verificare, appunto, il rispetto delle regole e certificare che i servizi svolti nelle strutture sanitarie quando si verifica il decesso di un paziente siano conformi ai requisiti legali, alle linee guida regionali e alle migliori pratiche esistenti. E su questo tema, la Regione ha già convocato le Direzioni di tutte le Aziende sanitarie dell’Emilia-Romagna per un incontro all’assessorato alle Politiche per la salute, mentre oggi si si sono incontrati in viale Aldo Moro gli assessori alla Salute di Regione e Comune di Bologna, Sergio Venturi e Giuliano Barigazzi.

Inoltre, fra le misure che la Regione punta a introdurre c’è anche la regolamentazione informatizzata degli accessi degli addetti delle imprese di onoranze funebri alle strutture sanitarie e alle camere mortuarie. Si valuterà la possibilità di utilizzare la piattaforma gestionale automatizzata e le modalità che già vengono utilizzate per altre categorie di professionisti, registrati sulla piattaforma stessa e dotati di cartellino identificativo, che riporti il nominativo e l’azienda di dipendenza. Regole che potranno cominciare a valere anche per chi lavora per le aziende funebri, costituendo fra l’altro uno strumento di contrasto al lavoro irregolare e più in generale al fenomeno del “nero”. Sarà così possibile registrare informaticamente gli accessi.

E ancora, andrà rafforzata la rotazione del personale pubblico, così come previsto dalle stesse indicazioni regionali e dalle norme anticorruzione.

Il Nucleo regionale di audit coordinerà quindi le funzioni di verifica, controllo, revisione e valutazione delle attività e delle procedure adottate da ogni Azienda sanitaria, per certificarne la conformità ai requisiti legali, alle linee guida regionali e alle migliori pratiche esistenti. Al suo interno, uno specifico gruppo si occuperà di verificare, anche direttamente e senza preavviso, il rispetto delle regole e delle procedure messe in campo.

Le Aziende sanitare, dal canto loro, devono assicurare la piena e completa attuazione delle Linee guida e delle indicazioni regionali, disciplinando l’accesso e la permanenza nelle camere ardenti degli operatori delle imprese di onoranze funebri, limitando e regolamentando i contatti degli stessi operatori con i dipendenti aziendali, aumentando il livello di riservatezza e soprattutto assicurando la continua rotazione del personale.

Azioni sul documento

pubblicato il 2019/01/22 15:47:41 GMT+1 ultima modifica 2019-01-22T15:47:41+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina