sabato,  19 gennaio 2019

Fornovo di Taro (Pr), una nuova "casa comune" per la Polizia locale e un polo didattico innovativo

Il presidente Bonaccini all’inaugurazione: “Il nostro impegno per il miglioramento della sicurezza nelle nostre comunità”

Inaugurazione nuovo Comando intercomunale Polizia locale a Fornovo di Taro (Pr), gennaio 2019 - 2Una ‘casa’ comune per le polizie locali del territorio, per dare più sicurezza e più servizi a residenti e pendolari; un polo innovativo sulle tecnologie avanzate per collegare in modo virtuoso la scuola al mondo del lavoro e delle imprese.            

A Fornovo di Taro, in provincia di Parma, questa mattina il presidente della Regione, Stefano Bonaccini, ha partecipato prima all’inaugurazione della nuova sede unica del Comando intercomunale di polizia locale, struttura al servizio anche dei Comuni limitrofi di Medesano e Solignano, all’interno dei locali fino al 2017 utilizzati dalla Polizia ferroviaria, nella locale stazione dei treni. Poi al varo del nuovo “Fab Lab” (Fabrication Laboratory), nato a fianco dell’Istituto di istruzione superiore “Gadda” dopo la ristrutturazione di un ex deposito abbandonato: sarà destinato alla didattica e all’applicazione delle nuove tecnologie 3D e lo sviluppo di applicativi per la realtà virtuale.        

Una “casa” comune per la polizia locale 

La nascita della nuova sede, ospitata in locali ristrutturati a spese di Rfi (gruppo Ferrovie dello Stato) e concessi in comodato d’uso gratuito, rientra in un più ampio progetto di grande importanza per l’intero territorio della bassa Val di Taro. Progetto dal costo complessivo di 66mila euro, di cui 46.200 erogati dalla Regione, per un intervento che ha portato alla riqualificazione anche dell’area esterna allo scalo ferroviario, mediante l’installazione di un impianto di videosorveglianza e il potenziamento dell’illuminazione. In più, si è intervenuti per il miglioramento estetico degli interni della stazione con elementi di arredo urbano (panchine aiuole, cestini portarifiuti, e così via).   

Un progetto che ha l’obiettivo di risanare e mettere un argine ai fenomeni di degrado e microcriminalità che caratterizzano la zona, a tutto vantaggio di un maggior controllo del territorio e dell’aumento della percezione di sicurezza da parte dei cittadini. All’inaugurazione della nuova struttura, che ospiterà anche la sede della Protezione civile comunale, sono intervenuti anche i sindaci di Fornovo, Emanuela Grenti, di Medesano, Riccardo Ghidini, e di Solignano, Lorenzo Bonazzi.

La nascita del polo didattico sulle nuove tecnologie

Il nuovo “Fab Lab” (Fabrication Laboratory) si trova a fianco dell’Istituto di istruzione superioreInaugurazione Fab Lab Istituto Gadda a Fornovo di Taro, gennaio 2019 “Gadda”, nasce dalla ristrutturazione di un ex deposito abbandonato e sarà destinato alla didattica e all’applicazione delle nuove tecnologie.

Alla cerimonia, oltre a Bonaccini e alla sindaca Grenti, hanno partecipato anche il presidente della Provincia di Parma, Diego Rossi, e il presidente della Fondazione Cariparma, Gino Gandolfi.

Nell’edificio - interamente recuperato dall’amministrazione provinciale grazie a un finanziamento di 500 mila euro della Fondazione Cassa di Risparmio di Parma e Monte di Credito su Pegno di Busseto - sono stati ricavati un’aula multimediale per il disegno 3D, la simulazione “Cnc” (che riproduce esattamente ciò che accade in un’officina) e lo sviluppo di applicativi per la realtà virtuale. Inoltre, è stato creato un laboratorio di 3D printing, taglio laser e robot, oltre a un terzo locale adibito a lavori di gruppo.

Azioni sul documento

pubblicato il 2019/01/19 14:02:25 GMT+1 ultima modifica 2019-01-19T14:02:25+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina