martedì,  24 luglio 2018

Musica è integrazione, a Roma dall’Emilia-Romagna: la Rulli Frulli apre il concertone dei giovani con Papa Francesco

La banda con tutte le abilità possibili, di Finale Emilia, l'11 agosto al Circo Massimo. Bonaccini: “Loro il fare insieme della nostra terra”

24 luglio 2018Amicizia e comunità, solidarietà e collettività, diverse abilità e unico spirito di gruppo: valori, cementati ancor di più dopo essere passati per l’esperienza del terremoto in Emilia e della ricostruzione, che diventano realtà vissuta, quotidiana, e che portano l’Emilia-Romagna davanti a Papa Francesco. Saranno infatti i Rulli Frulli, con le loro sonorità allegre e scatenate, ad aprire l’incontro del Pontefice con i giovani delle 200 diocesi di tutt’Italia, sabato 11 agosto a Roma, al Circo Massimo. La banda di Finale Emilia, nata nel 2010 da un’idea dell’insegnante Federico Alberghini come progetto sperimentale della Fondazione Scuola di Musica “Carlo e Guglielmo Andreoli” di Mirandola, è stata scelta dal Sinodo dei Giovani come miglior progetto di integrazione.

L’appuntamento dell’11 agosto a Roma è stato presentato in Regione. Sono intervenuti StefanoConferenza stampa Rulli Frulli per sinodo giovani papa 24 luglio 2018 Bonaccini, presidente della Giunta; la presidente e il direttore della Fondazione Scuola di Musica “Carlo e Guglielmo Andreoli”, rispettivamente Elena Malaguti e Mirco Besutti; Palma Costi, assessore regionale alla Ricostruzione post sisma; Luca Prandini, sindaco di Concordia e presidente dell’Unione Comuni Modenesi Area Nord (socio fondatore, sin dalla nascita, della Fondazione), e Federico Alberghini.

Di Rulli Frulli fanno parte persone diverse tra loro, per età e per abilità, che suonano percussioni in gran parte “autoprodotte” con materiali di riuso. Negli anni il numero dei partecipanti si è ampliato: la banda oggi conta ben 70 membri tra bambini, bambine, adolescenti e giovani. Un gruppo composito per età, genere e capacità che ha permesso l’inserimento nel progetto di quindici ragazzi diversamente abili. Ad affiancare Federico Alberghini oggi ci sono altri tre docenti, Marco Golinelli, Federico Bocchi e Sara Setti. Un gruppo che non si è arreso al sisma del 2012, che non ha mai smesso di suonare dopo le terribili scosse del 20 e 29 maggio di sei anni fa, trovando casa dove poteva, prima di quella definitiva a Finale, finendo poi per essere la banda che ha accolto l’arrivo di Papa Francesco in Emilia nel 2017 quando il Santo Padre venne in visita nelle zone terremotate.

Copyright foto banda Rosa Lacavalla

Azioni sul documento

pubblicato il 2018/07/24 13:55:18 GMT+1 ultima modifica 2018-07-24T13:55:18+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina