venerdì,  20 luglio 2018

Lo sguardo in bianco e nero sul mondo di Giovannino Guareschi, i suoi scatti in mostra a Cervia

A 50 anni dalla scomparsa dell'autore di Don Camillo e Peppone, rassegna voluta dall'Ibc. Bonaccini: "Grande narratore della nostra terra"

Mostra Guareschi fotografo taglio nastro 20-07-2018Giornalista, umorista, scrittore, fumettista, autore di programmi radiofonici. Nella poliedrica attività di Giovannino Guareschi un ruolo non secondario riveste anche la fotografia.  Scatti rigorosamente in bianco e nero che sono a pieno titolo elemento costitutivo la sua cifra espressiva, uno strumento per esprimere stati d’animo e notazioni di costume, fornendo ‘immagini’ della realtà inconsuete, spesso ‘tagliate’ con l’occhio del grafico e del giornalista.

E’ stata inaugurata oggi a Cervia dal presidente della Regione Stefano Bonaccini la mostra Uno sguardo in bianco e nero Giovannino Guareschi fotografo, che propone una selezione di fotografie realizzate dall’autore di Don Cammillo e Peppone. Scelte tra le circa mille autografe, realizzate dal 1935 agli anni Sessanta, le immagini provengono dallo straordinario Archivio che, grazie alla cura dei figli di Giovannino Guareschi, Carlotta e Alberto, è giunto sino a noi,  ospitato nella casa che fu anche Ristorante a Roncole Verdi, nel parmense, casa che lo scrittore volle erigere di fianco a quella natale di Giuseppe Verdi.

Promossa dall'Istituto per i beni artistici, culturali e naturali della Regione, in collaborazione con l’Archivio Giovannino Guareschi e il  Comune di Cervia, la mostra, che è allestita sul Lungomare Gabriele D'Annunzio, propone, tra le fotografie anche autoscatti con autoritratti, giocati sulla cifra del grottesco in età giovanile e in seguito proposti in istantanee ricche di elementi connotativi: libri, la macchina per scrivere, pile di giornali, matite e pennelli. Trasversale ai soggetti, uno sguardo ‘da dentro’, enfatizzato dall’uso frequente del controluce e dal gusto per inquadrature di grande impatto visivo.

Al taglio del nastro erano presenti Michela Lucchi, assessore alla Cultura del Comune di Cervia, Elena e Camilla Annoni, figlie di Carlotta Guareschi. La mostra, a cura di Giuseppina Benassati dell’Ibc, rientra nel calendario di eventi organizzato per ricordare Guareschi, originario di Fontanelle di Roccabianca, nel Parmense e scomparso a Cervia nel 1968.

Per saperne di più: http://ibc.regione.emilia-romagna.it/notizie/2018/uno-sguardo-in-bianco-e-nero-giovannino-guareschi-fotografo

 

 

Azioni sul documento

pubblicato il 2018/07/20 17:30:00 GMT+1 ultima modifica 2018-07-20T17:52:04+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina