mercoledì,  7 febbraio 2018

Vittime di reati, dalla Fondazione regionale oltre 81 mila euro per un aiuto concreto

Accolte 9 istanze da Bologna, Ferrara, Parma, Piacenza e Reggio Emilia. Opportunità 5 per mille

Sede della Regione, torriSono 9 i nuclei familiari colpiti da gravi crimini rispetto ai quali la Fondazione emiliano-romagnola per le vittime dei reati, presieduta da Carlo Lucarelli, ha da poco stanziato 81.500 euro (206 mila euro in tutto nel 2017 per 26 casi). I fondi, una tantum, sono stati consegnati o lo saranno a breve alle vittime o ai familiari per permettere loro di affrontare nell’immediato le difficoltà economiche o psicologiche più urgenti causate dal reato. Un aiuto concreto, che tiene conto dei bisogni specifici delle persone coinvolte perché riescano ad andare avanti e a costruire un progetto di vita.

L’attività della Fondazione è stata presentata in Regione, nel corso di una conferenza stampa del presidente della Regione, dal presidente e dalla direttrice della Fondazione, Carlo Lucarelli ed Elena Buccoliero.

Nel frattempo, la Fondazione cresce. Infatti, alcune amministrazioni locali scelgono il coinvolgimento diretto: le Unioni di Comuni Val d’Enza, nel reggiano, e Pedemontana Parmense sono entrate come soci aderenti, dopo la ratifica nell’Assemblea dei soci di fine anno. Un importante passo avanti che si inserisce nel percorso di rilancio e rafforzamento della Fondazione voluto dal presidente della Regione e condiviso dai soci stessi, inaugurato con la nomina di Lucarelli e che passa anche per l’aumento delle risorse regionali, per fare della Fondazione sempre più uno strumento di sostegno vero per chi ha subito reati particolarmente efferati.

Azioni sul documento

pubblicato il 2018/02/07 16:37:00 GMT+2 ultima modifica 2018-02-12T12:27:29+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina