venerdì,  7 dicembre 2018

Agricoltura, la Regione Emilia-Romagna leader in Europa nell'innovazione contro i cambiamenti climatici

Caselli: "Primi con 93 progetti sugli 800 totali nella Ue". Presentata alla Commissione europea di Bruxelles l'esperienza dei Gruppi operativi

Caselli a Bruxelles per Gruppi operativi  dicembre 2018Dal risparmio di acqua per l’irrigazione dei campi all’ ottimizzazione dell’utilizzo dei fertilizzanti, passando per la messa a punto di nuovi metodi per la conservazione e il miglioramento della fertilità dei terreni e la riduzione delle emissioni di gas serra in atmosfera causate dagli allevamenti.

La Regione Emilia-Romagna è in prima linea in ambito nazionale ed europeo nelle politiche per la prevenzione e il contrasto degli effetti negativi dei cambiamenti climatici. Lo documenta uno studio dell’Istituto di biometeorologia del Consiglio nazionale delle ricerche di Bologna che ha analizzato il contributo in termini di pratiche agricole innovative per l’adattamento e la mitigazione dell’impatto negativo degli eventi atmosferici estremi (siccità, ondate di calore, alluvioni, ecc.) fornito dai Gruppi operativi, partnership tra imprese agricole ed enti di ricerca che fanno parte della rete del Partenariato europeo per l’innovazione.

 

L’indagine dell’Ibimet-Cnr di Bologna 

L’indagine, presentata in occasione di un incontro a Bruxelles tra una delegazione guidata dall’assessore regionale all’Agricoltura, Simona Caselli, e un gruppo di tecnici e funzionari della competente Direzione generale della Commissione europea, ha preso in esame i progetti - 66 su un totale di 93 – sviluppati dai Gruppi operativi sorti in Emilia-Romagna che hanno come scopo la ricerca e la sperimentazione di metodi e tecniche innovative per affrontare la sfida dei cambiamenti climatici in agricoltura, tutt’uno con la sostenibilità delle produzioni.


I progetti di innovazione 

Dei 66 progetti dedicati ai temi dell’ambiente e del clima, per un contributo economico complessivo da parte della Regione di 14 milioni di euro, 13 riguardano il miglioramento dell’efficienza nell’utilizzo dell’acqua, 14 il sequestro del carbonio e il miglioramento della fertilità dei suoli, altrettanti le pratiche sostenibili per il controllo di malattie e parassiti delle colture, 10 l’uso ottimale dei fertilizzanti per la tutela della risorsa idrica, 4 il benessere degli animali, 2 la gestione del rischio di eventi estremi e ben 31 la riduzione delle emissioni di gas climalteranti. Alcuni dei progetti affrontano due o più tematiche alla volta.archivio Agenzia informazione e comunicazione Giunta regionale

Sono numeri che non hanno riscontro in un nessun’altra Regione, tenuto conto che in Italia, come documentato da una specifica indagine targata Crea (Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria), il numero complessivo di Gruppi operativi attivati è di 150. Ciò dà la misura dell’impegno della Regione Emilia-Romagna per quanto riguarda l’innovazione in campo agricolo.

Altri 51 progetti-pilota per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie sono stati finanziati nel 2018 nell’ambito dei progetti di filiera, per un contributo pubblico di 7,6 milioni di euro e un investimento complessivo di quasi 11 milioni di euro, considerando anche la quota di cofinanziamento da parte delle aziende agricole.

Entro la fine dell’anno saranno inoltre aperti due nuovi bandi che metteranno a disposizione altri 5 milioni di euro per progetti di innovazione nel campo della forestazione e dell’organizzazione dei processi produttivi.

Azioni sul documento

pubblicato il 2018/12/07 16:31:00 GMT+1 ultima modifica 2018-12-07T16:46:46+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina