Sezioni

martedì,  10 aprile 2018

Nasce in Emilia-Romagna l'Osservatorio sulla condizione delle persone con disabilità

Promosso dal Forum regionale del Terzo Settore e dalle Organizzazioni Fish e Fand. Venturi: "Fondamentale il gioco di squadra tra Istituzioni e Associazioni"

Assistenza disabiliAnche l’Emilia-Romagna avrà un Osservatorio sulla condizione delle persone con disabilità. A istituirlo, dopo la ripresa dei lavori dell’Osservatorio Nazionale, tre realtà attive nell’ambito del welfare: il  Forum regionale del Terzo settore e le Organizzazioni Fish (Federazione italiana per il superamento dell’handicap) e Fand (Federazione tra le Associazioni nazionali delle persone con disabilità), che a Bologna hanno illustrato l’iniziativa alla stampa, alla presenza dell’assessore regionale alle Politiche per la salute, Sergio Venturi

A presentare le attività del neonato Osservatorio - presso il Centro di Documentazione Handicap - sono stati Alberto Alberani, Federico Amico (Forum Terzo Settore Emilia-Romagna), Giuliana Gaspari (Fish Emilia-Romagna) e Andrea Prantoni (Fand Emilia-Romagna).

Consistente l’impegno della Regione per le persone con disabilità e non autosufficienti. In questa legislatura particolare attenzione è stata riservata ad interventi per favorire l’indipendenza e l’autonomia dei disabili: alle opere per l’abbattimento delle barriere architettoniche degli appartamenti o degli spazi comuni dei condomini vengono destinati finanziamenti annuali e il bando più recente, del 2017, ha messo a disposizione 2 milioni di euro; contributi di cui hanno beneficiato 633 famiglie. Inoltre, proprio nei giorni scorsi, per la prima volta la Regione ha stanziato specifici fondi per installare ascensori e montascale (ma anche per abbattere dislivelli con gradini o rampe troppo ripidi, o allargare corridoi e servizi troppo stretti) negli stabili di Edilizia residenziale pubblica: 2 milioni di euro per il 2018 e altri 2 milioni per il 2019.

Sul piano dell’assistenza a disabili e anziani, l’Emilia-Romagna è la Regione con il Fondo regionale per la Non autosufficienza più alto in Italia: nel solo 2017 sono stati investiti 500 milioni di euro per lo sviluppo della rete dei servizi socio-sanitari, residenziali e semiresidenziali e la realizzazione di interventi di natura assistenziale ed economica.

L’Emilia-Romagna è stata poi la prima in Italia ad avere adottato una legge specifica (n.2/2014) per i caregiver, coloro che assistono familiari o amici disabili e non autosufficienti, offrendone un riconoscimento giuridico sull’esempio di altri Paesi europei.

Azioni sul documento

pubblicato il 2018/04/10 14:56:00 GMT+2 ultima modifica 2018-04-10T15:02:43+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?