Dal 28 settembre il Po protagonista alla Borsa del turismo fluviale

Appuntamento a Guastalla e Gualtieri. Nel 2016 nei comuni dell'area del fiume oltre 3 milioni di presenze e quasi 800 mila arrivi

14.09.2017

La borsa del Po, conf stampa 14 settembre 2017Il Grande Fiume richiama sempre più appassionati fra addetti ai lavori e vacanzieri slow, con numeri incoraggianti per gli arrivi che crescono dell’8% per il mercato italiano e del 6% per quello straniero, con presenze oltre i tre milioni (stime Cst, 2016). Per questo la VIII Borsa del turismo fluviale e del fiume Po, in programma a Guastalla e Gualtieri, in provincia di Reggio Emilia (dal 28 settembre al 1 ottobre con inaugurazione sabato 30 settembre, ore 9.30, Palazzo Ducale di Guastalla) è un appuntamento di grande rilievo anche per i flussi da oltre confine: lo testimoniano anche i quattro operatori dall’Europa dell’Est (Ungheria, Repubblica Ceca, Lituania e Russia) tra i 25 provenienti da 16 Paesi europei che per la prima volta parteciperanno all’evento.

Cinque gli educational tour per gli operatori che toccheranno rispettivamente Piacenza, la Bassa Parmense (Busseto, Polesine Parmense, Zibello), i borghi del Po (Guastalla, Gualtieri, Reggiolo), gli itinerari ciclofluviali nel Reggiano (Lido Po Guastalla, Boretto, Brescello) ed infine il Delta del Po ferrarese. Sabato 30 settembre, il momento clou a Palazzo Ducale di Guastalla, workshop tra i buyer stranieri e un centinaio di operatori turistici dell’offerta provenienti da tutta Italia.

«La Borsa rappresenta un'opportunità concreta di promozione e valorizzazione dei territori d’area vasta, come disciplina la nuova legge regionale sul turismo 4/2016 –  ha detto l’assessore al turismo regionale Andrea Corsini, commentando l'iniziativa– sia per quanto riguarda il mercato interno che quello internazionale, come attestano i numeri delle precedenti edizioni. Un’iniziativa, dunque, rilevante in termini di flussi turistici e significativa per l’impatto economico che produce sull’economia delle località coinvolte».

«E’ una manifestazione – ha aggiunto Dario Domenichini, presidente di Confesercenti Emilia-Romagna –  che riscuote un interesse sempre maggiore da parte dei tour operator della domanda estera e dei seller italiani, segno che il prodotto si sta consolidando anche nel nostro Paese e sta aumentando la domanda turistica di vacanze slow, di itinerari ciclofluviali, di arte ed enogastronomia legate alle terre attraversate dal Po. Dobbiamo sfruttare appieno questo trend attraverso un’azione concertata pubblico-privato grazie anche all’ulteriore apporto che potranno fornire le nuove destinazioni turistiche appena costituite».

 

Camminando e navigando sul Po

Due i convegni di particolare interesse: Cammini, borghi, cibo nelle terre del Po, sulle strategie di valorizzazione turistica nazionali e regionali del Grande Fiume (venerdì 29 settembre, ore 10, Palazzo Bentivoglio, Gualtieri), con la presenza di rappresentanti di Mibact e Regione Emilia-Romagna, e Navigando da Locarno a Venezia, previsto per sabato 30 settembre nella Sala Antico Portico del Palazzo Ducale di Guastalla.

Nel corso della Borsa non mancheranno gli appuntamenti per il pubblico: da Viaggio a Gualtieri con spettacoli, visite guidate e aperture straordinarie, enogastronomia tipica e percorsi naturalistici (www.viaggioagualtieri.it) a Novellara Balsamica, la grande festa dedicata all’Aceto Balsamico Tradizionale di Modena (www.comunedinovellara.it).

La Borsa del turismo fluviale e del fiume Po è promossa da Confesercenti Emilia-Romagna, Unione dei Comuni della Bassa Reggiana, Camera di Commercio di Reggio Emilia e Apt Servizi Emilia-Romagna, con il patrocinio di Enit, Mibact e Regione Emilia-Romagna. E’ realizzata nell’ambito dei Fondi europei 2014-2020 della Regione Emilia-Romagna – Por Fesr.

 

 

 

Archivio news

Azioni sul documento
Pubblicato il 14/09/2017 — ultima modifica 14/09/2017
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it