Nasce a Modena un centro ricerca per le tecnologie industriali 4.0

Hpe Coxa investe 8 milioni, di cui 3.5 dalla Regione. All'inaugurazione il presidente Bonaccini e l'assessore Costi

16.10.2017

Hpe Coxa 3E’ stato inaugurato oggi a Modena il Centro di Ricerca Metal Additive di Hpe Coxa, alla presenza del presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini e dell’assessore alle Attività produttive, Palma Costi.Il Centro è stato realizzato per assicurare in modo rigoroso l’integrazione tra progettazione, simulazione e produzione in un’ottica esclusivamente additiva, anziché, come avviene comunemente, limitarsi a produrre con le nuove “stampanti 3D” pezzi progettati secondo le tecnologie tradizionali.

Inserito in una logica di Smart Factory, il Centro di Ricerca Metal Additive è complementare alle tecnologie presenti all’interno del Mil, il Machining Innovation Lab realizzato lo scorso anno da Hpe Coxa, che unisce le tecnologie più avanzate di lavorazione meccanica, utensili e attrezzature, insieme ai sistemi di controllo di processo a scansione ottica.
L’investimento totale per il progetto ammonta a 8 milioni di euro, di cui 3,5 finanziati dalla Regione Emilia-Romagna nell’ambito della Legge 14 sull’attrattività, e ha previsto l’assunzione a tempo indeterminato di 20 ingegneri ricercatori.
Il modello di funzionamento del Centro prevede un responsabile operativo e al contempo una direzione scientifica, realizzata nell’ambito di una collaborazione col Dipartimento di Ingegneria di Unimore per sviluppare un programma scientifico di ricerca da abbinare alle attività produttive che il Centro è in grado di effettuare.

Hpe Coxa 2

‘‘Quello che inauguriamo qui oggi, finanziato anche con i fondi della nostra Legge sull’attratività, è un nuovo centro di ricerca in grado di relazionarsi con istituti di ricerca, laboratori e università contribuendo a sviluppare innovazione, migliorare il trasferimento tecnologico e creare quel terreno fertile che permette lo sviluppo di nuove start up, che a loro volta innescano processi di nuovo sviluppo e nuova innovazione– ha commentato il presidente della Regione Stefano Bonaccini–.L’obiettivo comune, come in una corsa di Formula 1, è quello di fare squadra riposizionando l’Emilia-Romagna tra le realtà più avanzate in termini di performance economica e di ‘spessore’ della comunità di ricerca, formazione e produzione. Vogliamo essere la regione d’Europa dove non solo studiare e formarsi, ma impiantare la ‘testa’ di cicli produttivi oggi più che mai globali”.
“L’immagine che rimane di questa azienda sono i tantissimi giovani che qui lavorano– ha aggiunto l’assessore Palma Costi-. Ingegneri, tecnici, operai specializzati: un prezioso patrimonio capace di interpretare la nuova realtà produttiva che si sta configurando. Competenze specialistiche, altissime, al servizio di aziende avanzate che contribuiscono all’upgrading delle aziende medie e più piccole con le quali interagiscono, aumentando le possibilità di occupazione lungo tutta la filiera, aiutandole a stare al passo con la nuova rivoluzione industriale e la digitalizzazione spinta”.

Archivio news

Azioni sul documento
Pubblicato il 16/10/2017 — ultima modifica 16/10/2017
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it