Industria 4.0, multinazionali e grandi gruppi pronti a investire in Emilia-Romagna. Anche da IBM e Eon Reality nuovi insediamenti e posti di lavoro

Conclusa la prima fase di selezione dei piani presentati col secondo bando della legge 14/2014 sulla attrattività di investimenti in regione

In sintesi

Conclusa la fase di selezione dei piani presentati nell'ambito del secondo bando regionale della legge 14/2014 sulla promozione degli investimenti in regione, dedicato a progetti su Big data, digitale e intelligenza artificiale.

Tra le aziende che hanno scelto l'Emilia-Romagna ci sono IBM e la californiana Eon Reality. Ammessi anche gli interventi del riminese Aetna Group, della faentina Bucci Automations, della Sacmi Cooperativa Meccanici Imola e della startup modenese Energy Way.

Il presidente Bonaccini: "Una conferma importante dell'attrattività dei nostri territori".

L'assessore Palma Costi: "Da qui un sostegno anche per l'indotto delle pmi".

27.11.2017

foto di Crisafi Livia © European Union Anche da oltre oceano per mettere radici in Emilia-Romagna, considerata un’area territoriale dove investire potendo contare su professionalità esclusive, logistica e infrastrutture, alta formazione (dai Tecnopoli alle Università). A ciò si aggiunge lo strumento normativo che porta a procedure definite e tempi certi, puntando sulla collaborazione fra istituzioni e imprese: la Legge regionale 14/2014 “Promozione degli investimenti in Emilia-Romagna”. Si è chiusa la prima parte del bando regionale aperto nei mesi scorsi sulla attrattività di investimenti, il secondo dopo quello del 2016, che ha visto l’ammissione di 6 progetti di insediamento e sviluppo presentati da altrettante imprese in settori avanzati di industria 4.0: big data for industry, internet of things, intelligenza artificiale, realta` virtuale e aumentata. Si tratta della multinazionale americana Ibm Italia e della californiana Eon Reality, di Aetna Group con sede a Verucchio (Rn), della faentina Bucci Automations, di Sacmi Cooperativa Meccanici Imola e della modenese Energy Way. Gli interventi proposti hanno superato il vaglio della strategicita` rispetto al sistema produttivo regionale: si tratta di piani che complessivamente prevedono investimenti superiori ai 40 milioni di euro, con la creazione di nuovi posti di lavoro. Risorse alle quali si affiancherebbero quote di cofinanziamento da parte della Regione sui singoli progetti. Adesso il bando prevede si entri nella fase 2, di ulteriore verifica tecnica, per poi chiudersi con la sigla di Accordi regionali di investimento.

I progetti
La californiana Eon Reality, società che sviluppa software e piattaforme digitali al servizio dell’impresa, dell’istruzione e della formazione, punta a insediarsi nella zona industriale Roveri a Bologna, dove propone di far nascere un Centro digitale interattivo, hub italiano per lo sviluppo di contenuti e applicazioni legati alla realtà virtuale aumentata.
Guarda a Bologna anche Ibm Italia, che nel capoluogo regionale vorrebbe realizzare un centro di ricerca su Active intelligence e tre progetti di ricerca e sviluppo relativi all’intelligenza artificiale.
L’idea di Aetna Group Spa, leader nel settore degli imballaggi che guarda ai territori di riferimento, il bolognese e il riminese, è quella di aprire un “techlab 4.0” per la ricerca, sviluppo, applicazione e formazione, anche nel campo del packaging, a Castel San Pietro Terme (Bo) e a Verucchio (Rn).
Faenza (Ra), la Bucci Automations Spa (macchine e utensili) realizzerebbe un centro ricerche con servizi internet of things per l’automazione industriale.
Lo stesso la Sacmi, storica cooperativa imolese, leader mondiale nei settori delle macchine per ceramica, del packaging, delle macchine per l'industria alimentare e del beverage, farebbe nascere nel suo territorio un centro ricerche e sviluppo sull’applicazione dell’internet of things, con anche ricadute pensate in particolare per il settore delle piastrelle e delle ceramiche.
Infine, la startup Energy Way Srl di Modena, che opera nel settore del data management industriale sviluppando soluzioni innovative per le imprese, attraverso modelli matematici evoluti, svilupperebbe la sua idea d’impresa allargandosi allo studio dei Big Data

Gli Accordi regionali per l’insediamento
Per le sei aziende decise a investire in Emilia-Romagna che hanno superato la prima fase di selezione (strategicità del programma), nella seconda fase sarà fatta una valutazione puntuale dei contenuti degli investimenti: per quelli che avranno esito positivo saranno siglati gli Accordi regionali per l’insediamento. La Regione supporterà questi investimenti ad alto impatto occupazionale, non solo attraverso l’erogazione di incentivi, ma anche facilitando il rapporto con le istituzioni, enti locali e altri soggetti interessati che operano sul territorio.
Gli investimenti hanno l’obiettivo di accrescere la competitività e la capacità innovativa delle filiere regionali integrandosi col sistema emiliano-romagnolo della ricerca e della formazione avanzata. Gli investimenti debbono produrre significativi effetti occupazionali diretti e indiretti, a livello quantitativo e qualitativo, e generare positive ricadute sul territorio in termini di impatto economico, di sostenibilità ambientale e sociale.

Il primo bando sull’attrattività
Per quanto riguarda il primo bando del 2016, pensato non per la sola Industria 4.0, sono stati 13 i progetti finanziati e in corso di realizzazione. Tra questi figurano anche quelli di Lamborghini, Ducati Motor, Ynap, Teko Telecom, Avl Italia, B.Braun Avitum Italy, Hpe e Ima. L’investimento complessivo previsto è di più di 126 milioni di euro, di cui circa 41 milioni di finanziamento pubblico, e porta con sé 1.200 nuovi posti di lavoro.

Il commento

“Siamo di fronte alla conferma di una novità importante- afferma il presidente della Regione, Stefano Bonaccini- e cioè il fatto che l’Emilia-Romagna sia diventata sempre di più una regione che richiama o porta a realizzare investimenti in grado di generare nei suoi territori sviluppo e nuovi posti di lavoro, molti dei quali altamente qualificati. Attraiamo risorse e facciamo crescere idee, peraltro in settori avanzati dell’industria 4.0, ma anche saperi, che si mescolano alle grandi capacità professionali, di ricerca e innovazione che qui le nostre aziende, la nostra manodopera e i nostri tecnici sono in grado di esprimere. L’attrattività complessiva del nostro sistema, unito nell’azione avviata con il Patto per il Lavoro siglato con le parti sociali, ha già visto investire qui grandi Gruppi italiani e stranieri in occasione del primo bando, con centinaia di assunzioni, e altri, con il nuovo, intendono fare altrettanto. Segno- chiude Bonaccini- che anche il lavoro che stiamo facendo sul fronte dell’internazionalizzazione e dell’attrazione degli investimenti sta pagando”.

“Con gli interventi della Legge 14- aggiunge l’assessore regionale alle Attività produttive, Palma Costi- vogliamo favorire investimenti in ricerca e innovazione che vadano a rafforzare, oltre alle imprese beneficiarie, anche il tessuto di piccole e medie imprese di subfornitura, punto di forza dei nostri distretti produttivi, stimolando la nascita e la crescita di startup innovative e generando input positivi per i mercati locale, nazionale e internazionale. Un lavoro in sinergia tra pubblico e privato per rafforzare gli investimenti in alta tecnologia sul territorio emiliano-romagnolo e che rappresentano linfa vitale per un indotto che sempre di più diventa protagonista internazionale”.

Archivio news

Azioni sul documento
Pubblicato il 27/11/2017 — ultima modifica 29/11/2017
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it