Ricostruzione, tornano a casa la scuola di musica e la filarmonica 'Giustino Dazzi'

Inaugurata a Concordia sulla Secchia (Mo). Bonaccini e Costi: “Premiata la grande tenacia di chi ha sempre animato la scuola, la stessa di un territorio che non si è mai fermato"

19.03.2017

Bonaccini e Costi inaugurano scuola di musica "Giustino Dazzi"

Il sisma del maggio 2012 aveva causato l’inagibilità dell’edificio: in particolare, erano stati danneggiati il primo piano e la copertura. Ma oggi, l’attività della storica scuola di musica e della filarmonica “Giustino Diazzi” di Concordia sulla Secchia, che peraltro non si è mai fermata, con esibizioni ovunque si potessero fare, torna a svolgersi nella sua vera casa.

Infatti, dopo un intervento di adeguamento sismico, la sede di via Lenin 40 è di nuovo agibile ed è stata inaugurata questa mattina presenti, fra gli altri, con il sindaco Luca Prandini, il presidente della Regione, Stefano Bonaccini, e l’assessore alla Ricostruzione, Palma Costi.

 La spesa complessiva per la ristrutturazione è stata di 280 mila euro, finanziata quasi interamente dalle numerose donazioni. Si è anche provveduto a migliorare l’impiantistica, l’illuminazione e il comfort delle aule.

La scuola di musica, attraverso la Fondazione “Carlo e Guglielmo Andreoli”, gestisce corsi di musica per bambini (da 3 anni), ragazzi e giovani di qualsiasi grado di abilità, e adulti, e costituisce un importante punto di aggregazione culturale nel territorio. Nell’anno scolastico 2015/2016 ha avuto oltre un migliaio di iscritti e 64 insegnanti.

Molti i riconoscimenti avuti in questi duecento anni di storia della filarmonica, primo fra tutti quello della Presidenza della Repubblica. Dal 1994 la filarmonica è diretta dal maestro Marco Bergamaschi, conta 60 componenti dai 13 agli 84 anni ed è stata riconosciuta come “gruppo musicale di interesse nazionale”. 

Archivio news

Azioni sul documento
Pubblicato il 19/03/2017 — ultima modifica 19/03/2017
< archiviato sotto: >
Il commento

“Nata nel 1811, la scuola di musica ‘Diazzi’ rappresenta una vera e propria istituzione culturale per l’intero territorio e per tutta la comunità- affermano il presidente Bonaccini e l’assessore Costi- e questo ritorno a casa premia la tenacia di tutti coloro che animano e hanno animato la scuola in questi anni, senza mai interrompere l’attività. E a loro va un grazie particolare, lo stesso che va a tutti – cittadini, imprenditori, lavoratori, sindaci e istituzioni – che mai si sono fermati subito dopo quelle terribili scosse, diventando protagonisti di una ricostruzione che sta procedendo rapida e con efficacia. Merito davvero della gente di questa terra e del lavoro di squadra fatto insieme”.

Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it