Quando le imprese ritornano, il fenomeno del reshoring produttivo in Emilia-Romagna

Amministratori e rappresentanti di aziende a confronto sul fenomeno della rilocalizzazione

03.05.2017

foto di Andrea Samaritani, Meridiana immaginiNegli ultimi anni l’Emilia-Romagna ha registrato 21 casi di reshoring, quindi imprese che hanno deciso di tornare a produrre nel proprio paese di origine, una cifra che rappresenta il 17,4% degli episodi registrati in tutta Italia e che posiziona la regione al secondo posto tra quelle italiane, seconda solo al Veneto. 

Sono dati emersi da una ricerca condotta da Uni-Club MoRe Back-reshoring (gruppo di ricerca interuniversitario che monitora i casi, cui afferiscono anche gli atenei di Bologna e Modena-Reggio Emilia) presentata oggi presso la Giesse a Budrio (Bologna) dove si è tenuto il meeting conclusivo del progetto “Il fenomeno della rilocalizzazione produttiva (reshoring) in Emilia-Romagna”, sviluppato dall’assessorato regionale alle Attività produttive in collaborazione con le Università di Bologna, Ferrara, Modena-Reggio Emilia e Parma. 

L’evento, che si è tenuto presso la Giesse Spa (azienda emiliana protagonista di diverse operazioni di rilocalizzazione produttiva) è stato aperto dall’assessore regionale Palma Costi e concluso dall’intervento del presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini. 

Data l’importanza strategica del fenomeno, la Regione Emilia-Romagna ha intrapreso la ricerca in rete con gli atenei allo scopo di indagare il fenomeno, ma anche di progettare azioni integrate a supporto delle decisioni di rilocalizzazione produttiva. 

Tra le aziende emiliane che hanno già effettuato un simile percorso, Argo Tractors, Beghelli, Giesse e Wayel, grazie alla cui disponibilità nel fornire informazioni e dati è stato ripercorso il processo che li ha condotti a riportare le attività produttive in Italia.

Tra le organizzazioni presenti al workshop anche aziende del territorio come Ima, Dallara, Bonfiglioli Toyota Lte, Touring Sense, Marini-Fayat e Soitec, istituzioni finanziarie come Unicredit, Unipol e Intesa San Paolo, i Comuni di Reggio Emilia e Fornovo, Città Metropolitana di Bologna, Ostellato, associazioni e istituzioni come Cna, Cgil, Cisl, Crit, Sipro ed enti di formazione e ricerca quali Its Maker, Itis di Fidenza, Iis Gadda e l’Università degli Studi dell’Aquila.

Archivio news

Azioni sul documento
Pubblicato il 03/05/2017 — ultima modifica 03/05/2017
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it