Vaccini, liste d'attesa, farmaci oncologici: oltre 8 miliardi per la sanità dell'Emilia-Romagna

Via libera dalla Giunta alla programmazione 2017 delle risorse destinate alle aziende sanitarie: "Qualità ed efficienza"

14.06.2017

Sanità, ospedale, infermieraOltre 8 miliardi di euro, nel 2017, per il servizio sanitario regionale: 64 milioni in più rispetto allo scorso anno. Le risorse (8,087 miliardi), destinate all’Emilia-Romagna dal Fondo sanitario nazionale, andranno a finanziare le Aziende sanitarie (Usl, Aziende Ospedaliere e Irccs pubblici-Istituti di ricovero e cura a carattere scientifico) e serviranno principalmente (7,5 miliardi) a coprire e implementare a livello locale i Livelli essenziali di assistenza; ovvero tutte quelle prestazioni - visite, esami, cure - garantite, gratuitamente o con il pagamento di un ticket, dal servizio sanitario regionale. Ma non solo: tra i principali obiettivi da perseguire per quest’anno ci sono l’avvio delle campagne vaccinali promosse dal nuovo Piano di prevenzione varato a livello nazionale e regionale; la riduzione delle liste di attesa per i ricoveri chirurgici programmati; il consolidamento dei servizi e delle prestazioni del Fondo regionale per la non autosufficienza; l’attuazione del Piano sociale e sanitario regionale e, sul fronte delle risorse umane, la riduzione del precariato e l’assunzione di nuovo personale. A definire le “Linee di programmazione e finanziamento per il 2017” è una specifica delibera approvata dalla Giunta regionale. Si tratta del principale atto di programmazione annuale della Regione per le aziende Usl e ospedaliere del servizio sanitario, che al tempo stesso stabilisce la ripartizione della parte più consistente delle risorse sul territorio regionale e il quadro degli obiettivi da raggiungere per quest’anno. Oltre ai 7,5 miliardi per i Lea, tra le quote più significative vanno ricordate: 64 milioni per finanziare il sistema integrato Servizio sanitario-Università e 145 per sostenere la qualificazione dei servizi delle Aziende ospedaliere e degli Irccs; e ancora, 81,74 milioni sono destinati all’acquisto di farmaci innovativi, di cui 36 per farmaci Hcv (Epatite C) e 45,74 per quelli oncologici. La delibera fissa, inoltre, in 320 milioni il concorso al complessivo finanziamento del Fondo regionale per la non autosufficienza.

Nello specifico, questa la ripartizione dei fondi:

Aziende Usl

Piacenza: 485.432.891 euro Parma: 694.996.230 euro Reggio Emilia: 788.504.058 euro Modena: 1.064.332.437 euro Bologna: 1.407.413.763 euro Imola: 213.152.144 euro Ferrara: 614.586.134 euro Romagna: 1.766.263.054 euro

Aziende ospedaliere / Aziende ospedaliere-universitarie / Irccs

Aosp-Univ. Parma: 46.446.462 euro Aosp Reggio Emilia: 25.205.908 euro Aosp-Univ. Modena: 45.639.249 euro Aosp-Univ. Bologna: 64.984.440 euro Aosp-Univ. Ferrara: 68.251.426 euro Ist. Ortopedico Rizzoli (Bologna): 18.275.048 euro

 

Il commento

“8 miliardi di euro, 64 milioni in più rispetto allo scorso anno, pur in un contesto ancora difficile per le finanze pubbliche. Si tratta di risorse importanti- sottolinea l’assessore alle Politiche per la Salute, Sergio Venturi- che ci permettono di continuare ad investire, come abbiamo fatto da inizio legislatura, sulla sanità dell’Emilia-Romagna: sulle strutture, gli spazi e le strumentazioni diagnostiche, ma anche sul personale e sui servizi ai cittadini, a partire dai piani di abbattimento delle liste d’attesa, che per visite ed esami siamo riusciti quasi ad azzerare. Il nostro obiettivo- conclude Venturi- è duplice: mantenere il sistema sanitario regionale ai livelli d’eccellenza in cui già si colloca, garantendo al tempo stesso un’efficace gestione amministrativa e delle risorse”

Archivio news

Azioni sul documento
Pubblicato il 14/06/2017 — ultima modifica 14/06/2017
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it