Agricoltura sempre più competitiva in Emilia-Romagna: ecco i numeri del Psr

880 milioni impegnati, 151 bandi per circa 1,2 miliardi di investimenti delle imprese. Indagine sulla soddisfazione degli imprenditori agricoli

22.12.2017


LattugaIl
Programma di sviluppo rurale 2014-2020 della Regione Emilia-Romagna ha messo il turbo. Oltre 880 milioni di risorse impegnate nei primi due anni e mezzo di operatività, il 75% dell’intero budget a disposizione nell’arco dei sette anni di durata; un miliardo e 160 milioni di investimenti già effettuati o programmati dalle imprese agricole e agroindustriali; 151 bandi emanati, di cui 30 ancora aperti, 76 chiusi e 45 con istruttoria in corso; oltre 65 mila domande di contributo pervenute, di cui il 12% presentate dagli under 40, il 26% da donne e il 20% riferite ad aziende convertite al biologico.

Sono cifre notevoli quelle emerse all’ultima riunione del Comitato di sorveglianza del Psr, organismo di cui fanno parte i Servizi territoriali regionali e i rappresentanti del mondo agricolo ed ambientalista, per fare il punto sullo stato di attuazione del principale strumento di programmazione e finanziamento della politica regionale nel settore agroindustriale, con una dotazione finanziaria complessiva di 1,2 miliardi di euro.

Numeri di grande importanza che testimoniano il grande lavoro fatto per consolidare i tanti primati in campo nazionale ed europeo che vanta l’agroalimentare made in Emilia-Romagna, a partire dal numero di prodotti di eccellenza a marchio Dop e Igp (44), e per rilanciare la competitività delle imprese, facendo leva su innovazione, qualità e sostenibilità delle produzioni. Con significative ricadute positive anche sul resto dell’economia regionale.

Quello che emerge chiaramente dal check up effettuato è la massiccia adesione ai bandi emanati dalla Regione, a testimoniare la fase di grande dinamismo da parte delle imprese.  Tornando agli investimenti sulla competitività, dal 2015 ad oggi sono stati pubblicati 7 bandi, di cui tre per favorire la nascita di nuove imprese guidate dai giovani, per un totale di 44 milioni di euro, con una stima di investimenti di oltre 110 milioni di euro.  
Se la risposta delle imprese è stata ampiamente positiva, ciò è dipeso dal fatto che il Psr è stato fin qui ben gestito e le informazioni sui bandi e sulle altre opportunità di finanziamento offerte sono chiare e facilmente accessibili. Così la pensano tre imprenditori agricoli su quattro secondo i risultati di un’indagine sulla “customer satisfaction” promossa dalla Direzione generale dell’assessorato all’Agricoltura per sondare il grado di soddisfazione e rafforzare la comunicazione e il dialogo tra l’amministrazione regionale e i beneficiari. 

L’indagine, effettuata in collaborazione con la Rete rurale nazionale, è consistita nella distribuzione di un questionario on line ad un campione di agricoltori. Tra i principali risultati: il 90% degli interpellati ritiene di essere sufficientemente aggiornato sulle opportunità offerte dal Psr; le fonti privilegiate di informazione sono le associazioni di categoria e i Centri assistenza agricola (75% degli intervistati), seguiti da web e social (20), due canali in costante crescita; infine, a fronte della richiesta di chiarimenti su vari aspetti, l’80% degli interpellati si dichiara soddisfatto delle risposte ricevute.

La ricerca, strutturata sia con domande “chiuse”, sia dando la possibilità agli interpellati di scrivere un commento, ha tra l’altro consentito di raccogliere oltre 1.500 segnalazioni di idee e suggerimenti utili per superare eventuali criticità.

Tra gli aspetti da migliorare, una maggiore attenzione è richiesta per la semplificazione delle procedure burocratiche, il rispetto dei tempi, oltre a sollecitare un’informazione più capillare per alcuni specifici settori. La Direzione generale agricoltura darà il via ad un piano di azione per risolvere le criticità emerse.   

Archivio news

Azioni sul documento
Pubblicato il 22/12/2017 — ultima modifica 22/12/2017
Il commento

“Nei primi 30 mesi di operatività del Psr- sottolinea l’assessore regionale all’Agricoltura, Simona Caselli- abbiamo messo in campo un’ingente quantità di risorse finanziarie in grado di fare da volano di sviluppo anche per altri settori dell’economia regionale, dall’edilizia alla meccanica, ai servizi. Tra i tanti numeri di cui andare orgogliosi vorrei ricordare che sugli 880 milioni di fondi utilizzati, oltre 280 milioni sono destinati agli interventi per rafforzare la competitività delle imprese”.  
“Tra gli aspetti più importanti della programmazione 2014-2020- aggiunge Caselli- ci sono i bandi di filiera, per sostenere i progetti di investimento basati sull’alleanza tra imprese agricole e agroindustriali. Per il 2017 abbiamo messo a disposizione 72,4 milioni di euro per le prime e 52,4 per le seconde; i progetti presentati sono stati 70 e potranno produrre investimenti privati per una cifra di oltre 480 milioni di euro”. 

Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it