Adolescenti, 1 milione e 133 progetti per prevenire disagio, abbandono scolastico e web-dipendenza

Dalla Regione al territorio della Città metropolitana di Bologna. Gualmini:“Aiutare i giovani per un progetto autonomo di vita”

29.08.2017

foto di Roberto BrancoliniSono 133 i progetti entrati nella graduatoria approvata ieri dalla Giunta regionale a seguito dei bandi indetti dalla Regione Emilia-Romagna nell’aprile scorso. Si tratta di due bandi-  l’uno riguardante il Progetto “I grandi assenti del welfare”, destinato alla Città Metropolitana di Bologna e finanziato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Bologna e l’altro, il progetto “Giovani generazioni” - finalizzati a sostenere attività scolastiche, extrascolastiche, ricreative e per il tempo libero rivolte a ragazzi di età compresa tra gli 11 e i 24 anni. Per finanziare i progetti selezionati, la Regione mette a disposizione per il 2017/2018 quasi un milione di euro. Le proposte riguardano per la maggior parte iniziative per educare i ragazzi a un utilizzo consapevole dei social network e della rete in generale, attività per aiutarli a conquistare una maggiore autostima e prevenirne il disagio sociale, percorsi personalizzati di orientamento scolastico. Tra i progetti presentati dalleassociazioni di promozione sociale, organizzazioni di volontariato, cooperative sociali, parrocchie ed enti locali della città metropolitana di Bologna, ci sono anche laboratori, teatro, musica, sport.

Gli esiti dei bandi in dettaglio

A seguito dei bandi indetti dalla Regione nell’aprile scorso  la Regione ha ritenuto finanziabili 133 progetti. Di questi, 14, per i quali è previsto un finanziamento di 200mila euro, hanno una valenza regionale; 119, finanziati con 728mila euro, hanno valenza territoriale. Di questi ultimi, 44 si realizzeranno nell’ ambito metropolitano di Bologna e 75 in tutte le province della regione.

 

Il commento

2“Come Regione, siamo molto soddisfatti degli esiti dei bandi che, anche grazie al contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Bologna, consentiranno di intervenire concretamente a favore degli adolescenti- ha sottolineato la vicepresidente della Regione Emilia-Romagna e assessore al Welfare, Elisabetta Gualmini-. L’alto numero dei progetti ricevuti dimostra un rinnovato interesse da parte di associazioni di promozione sociale, organizzazioni di volontariato, cooperative sociali, parrocchie ed enti locali peri più giovani, gli adolescenti, i ragazzi che vivono un periodo di cambiamento e di metamorfosi. Il futuro di questa regione- aggiunge la vicepresidente- si gioca anche sulla capacità dei nostri giovani di disegnare un progetto autonomo di vita, di scoprire e valorizzare le proprie inclinazioni, di creare relazioni di reciproco sostegno”.

Archivio news

Azioni sul documento
Pubblicato il 29/08/2017 — ultima modifica 29/08/2017
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it