Infrastrutture a Modena, investimenti per 25 milioni di euro

Al via i nuovi lotti di Pedemontana e tangenziale sud di Formigine. Sistemazione Curve ‘Carrai’ e ‘Acquabona’ a Pavullo, nuova rotatoria a Campogalliano

30.12.2016

Foto di Liviana Banzi, archivio Agenzia informazione e ufficio stampa Giunta Regione Emilia-RomagnaUn pacchetto da 25 milioni di euro per nuove infrastrutture nella provincia di Modena. Risorse che permetteranno di migliorare la viabilità, ma soprattutto di avviare opere strategiche per lo sviluppo del territorio. 

A presentare il programma di investimenti previsti per il modenese sono stati oggi, in Comune a Modena, il presidente della Regione, Stefano Bonaccini, il sindaco e presidente della Provincia, Gian Carlo Muzzarelli, e l’assessore regionale ai Trasporti e infrastrutture, Raffaele Donini.

I lavori - finanziati dal Fondo per lo sviluppo e la coesione 2014-2020, dal Contratto di Programma Anas 2016-2020 e dalla Regione per un totale di 25 milioni e 200 mila euro - riguardano in particolare: la Strada provinciale 467R Pedemontana, IV stralcio del III lotto, nel tratto B via Gualinga (4 milioni di euro) e il IV stralcio del IV lotto via Gualinga-via Montanara (7 milioni 850 mila euro); la tangenziale sud di Formigine (5 milioni 415 mila euro); la sistemazione delle Curve dei ‘Carrai’ e ‘Acquabona’ nel comune di Pavullo nel Frignano (6 milioni 900 mila euro); la nuova rotatoria tra la Strada provinciale 13 e la Strada comunale Fornace, nel comune di Campogalliano (855 mila euro).

 

Le nuove opere in programma 
Nuova rotatoria tra la S.P. 13 di Campogalliano e S.C. Fornace in Comune di Campogalliano. Stato di avanzamento: progetto di fattibilità tecnico economica. Costo 855 mila euro, di cui 330 mila con fondi Fsc. L’incrocio attuale tra una provinciale e una strada comunale è stato teatro numerosi incidenti, per la messa in sicurezza è stata studiata una rotatoria a 4 bracci. Tangenziale Sud di Formigine con collegamento alla S.P.15 Modena-Sassuolo. Stato di avanzamento: progetto definitivo. Costo 5 milioni 415 mila euro.  SP467R MO Pedemontana - 4° stralcio 3° lotto - tratto B: SP17 - via Gualinga. Stato di avanzamento: progetto definitivo. Costo 4 milioni di euro.  SP467R MO Pedemontana - 4° stralcio 4° lotto: via Gualinga - via Montanara. Stato di avanzamento: progetto definitivo. Costo 7 milioni 850 mila euro. 

Queste nuove opere, che beneficiano tutte di fondi Fsc, permetteranno di completare l’asse infrastrutturale pedemontano. Si tratta di un nodo strategico che, per la sola provincia di Modena, ha goduto di finanziamenti complessivi per oltre 41 milioni di euro, di cui 32,5 a carico della Regione e i rimanenti come cofinanziamenti di altri Enti.  

Lavori di sistemazione delle Curve “Carrai” e “Acquabuona”, nel comune di Pavullo nel Frignano. Finanziati con 6,9 milioni attraverso il Contratto di Programma Anas 2016-2020, serviranno a mettere in sicurezza i tratti della Strada statale 12 compresi fra le progressive km 139+344 e km 139+889 e km 139+889 e km 140+155. A breve saranno concluse le procedure di approvazione del progetto esecutivo, per avviare la successiva fase di affidamento dei lavori. 

I commenti

“Investimenti straordinari per Modena e la sua provincia- sottolinea Bonaccini- che si inseriscono in un quadro complessivo di circa 3,5 miliardi per l’intera legislatura, compresi gli 1,3 per la Cispadana, da destinare al completamento di infrastrutture strategiche per tutto il territorio regionale. Lo abbiamo sempre detto: entro la fine del mandato dovranno essere sbloccate opere in discussione da troppi anni, e dove possibile aperti i cantieri. La strada è quella giusta, basti pensare appunto allo sblocco della Cispadana, fondamentale sia per il tessuto industriale del territorio, sia come cerniera ideale tra la direttrice del Brennero e l'Adriatico e, più in generale, la Romagna, quindi grande volano per il turismo. Adesso andiamo avanti con gli impegni presi, perché di nuove infrastrutture hanno bisogno i cittadini per muoversi meglio, le nostre imprese per crescere, il territorio per diventare ancor più competitivo. Poi nuovi cantieri significano nuovi posti di lavoro, e per noi l’occupazione rimane la priorità”.   
“I finanziamenti presentati oggi sono fondamentali per completare l’asse pedemontano per tutto il tratto modenese, e consentire così un collegamento importante tra la città e la fascia collinare. Inoltre- spiega Muzzarelli- con la circonvallazione di Formigine e gli interventi Anas a Pavullo, vengono sbloccati impegni già presi a suo tempo che miglioreranno finalmente l’assetto della viabilità montana. Infine, con l’intervento a Campogalliano, la Provincia metterà in sicurezza - grazie alla collaborazione tra il Comune interessato, privati e questo finanziamento - un territorio di strada già teatro di troppi incidenti. Sono opere che responsabilizzano l’ente provincia e particolarmente importanti, perché la messa in sicurezza delle strade e il completamento delle infrastrutture strategiche sono impegno locale, regionale e nazionale per aumentare la competitività del nostro territorio nel suo insieme, che già oggi presenta segnali positivi a livello economico ed occupazionale”. 
“Siamo soddisfatti- afferma Donini- perché anche grazie al confronto con il territorio e alla collaborazione di tutti gli enti coinvolti, riusciamo a sbloccare opere fondamentali per il nodo modenese e l’asse pedemontano, oltre che ad aumentare la sicurezza di tratti stradali particolarmente critici. Ci siamo dati obiettivi precisi, delineando un piano di sviluppo infrastrutturale che coinvolge tutta la regione, da Piacenza a Rimini: le risorse disponibili serviranno anche a potenziare il trasporto pubblico locale, la mobilità ciclistica e il sistema aeroportuale e a mettere in sicurezza tutte le linee ferroviarie regionali”. 

Archivio news

Azioni sul documento
Pubblicato il 30/12/2016 — ultima modifica 30/12/2016
< archiviato sotto: >
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it