Educazione alla sostenibilità

Forlì, presentato il progetto sullo spreco alimentare

Il Comune forlivese coinvolge ristoratori e consumatori per ridurre lo spreco alimentare

Si chiama Food Bag lo strumento utilizzato nell’ambito del progetto di riduzione dello spreco alimentare “Qui spreco zero”, che ha come destinatari i ristoratori coinvolti e i consumatori del Comune di Forlì.

L’obiettivo dell’azione - scrive il Mause Multicentro di Forlì - è quello di incentivare il cliente del ristorante ad una buona pratica: ritirare l’avanzo di cibo ed evitare lo spreco alimentare. E con l’utilizzo di questo speciale ‘contenitore per cibo riciclabile ’, questa azione diventa praticabile e sostenibile per la prevenzione e la riduzione dello spreco alimentare.

Il progetto, condiviso con le associazioni di categoria dei ristoratori e con l’autorità sanitaria locale, parte da un dato nazionale che deve fare riflettere.

Dodici miliardi di euro di cibo all’anno finisce nella spazzatura senza essere consumato, pari a 200,00 euro pro capite, a cui va aggiunto quello della filiera agroalimentare che ammonta a 3 miliardi di euro, per un valore complessivo di 15 miliardi.

Il kit anti spreco è composto da un sacchetto in carta resistente dove possiamo collocare le vaschette realizzate in polipropilene riciclabile, studiate ad hoc per l’uso a caldo (idonee all’utilizzo da -20°C a +120°C).

Infatti, le vaschette possono essere utilizzate sia nel forno tradizionale a basse temperature sia in quello a microonde.

Per saperne di più

Qui spreco zero
Report dell'iniziativa

Azioni sul documento

pubblicato il 2019/09/19 11:05:08 GMT+1 ultima modifica 2019-09-19T11:05:08+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina