Educazione alla sostenibilità

Campagna “Le tue scarpe al centro”: obiettivi e risultati

Nel primo anno 29.000 scarpe raccolte nei 230 centri raccolta e nelle 60 manifestazioni organizzate in regione dai Ceas, società sportive e multiservizi

Si è chiusa con un grande successo la campagna di educazione all'economia circolare Le tue scarpe al centro, promossa dall'Area Educazione alla sostenibilità di Arpae Emilia-Romagna, in sinergia con i 14 Ceas aderenti (capofila “La Raganella” dell'Unione area nord modenese) e i gestori dei rifiuti dei territori.

Il progetto è nato dalla necessità di esemplificare i principi dell'economia circolare, cercando di comunicare in modo semplice ed efficace che uno scarto può avere una seconda vita "altrettanto nobile" rispetto alla precedente, unendo in questo caso anche la solidarietà verso le popolazioni del Centro Italia terremotate nel 2016.

20180521_105045.jpgPer raggiungere l’obiettivo sono stati coinvolti i cittadini, dimostrando come i consumatori possono assumere un ruolo attivo collaborando con imprese e municipalità. In altre parole, parliamo di strategia e azioni tese a far crescere l'empowerment delle comunità locali e stimolare lo sviluppo di nuovi processi produttivi sostenibili e circolari.

Diverse e articolate le metodologie e gli strumenti adottati: comunicativi (marketing sociale, social media); educativi (apprendimento attivo, learning by doing); partecipativi (e-democracy, social media, flash mob). Tra le tante attività nella fase iniziale sono stati realizzati materiali informativi in formato digitale e attivata una capillare opera di sensibilizzazione e coinvolgimento di Scuole (200 laboratori didattici) e società sportive (oltre 100).

Con il contributo delle società di servizi e gestione dei rifiuti sono stati organizzati 230 punti di raccolta delle scarpe da ginnastica usurate o infradito in gomma nei 49 Comuni aderenti, unitamente a decine di eventi nei medesimi territori per promuovere la campagna e coinvolgere attivamente la cittadinanza: feste dello sport, azioni dimostrative e animazioni, nelle piazze e nei mercati, nelle palestre e nelle strutture sportive.

Assieme all’obiettivo più generale sopra richiamato, anche quello più immediato e concreto: raccogliere almeno 10.000 scarpe, rigenerare la materia (con il contributo della società benefit ESO) frammentando le scarpe e ricavando della morbida gomma adatta alla pavimentazione delle aree giochi dei bambini. Un risultato da donare al Comune di Amandola nel centro Italia colpito dal sisma 2016.

20180517_211432.jpgLa comunicazione al centro del progetto. Il successo del progetto è, tra gli altri, da ricercare anche nell’attivazione di una rete che ha veicolato, a livello regionale e locale, una comunicazione efficace che ha raggiunto un pubblico vasto ed eterogeneo. A livello istituzionale sono stati creati i presupposti per il lancio in grande stile di una campagna efficace realizzata in collaborazione con ESO, che ha prodotto un’immagine accattivante e due video presentazioni del progetto. Sono inoltre stati realizzati materiali promozionali (cartoline e locandine personalizzabili, striscioni) che man mano sono stati distribuiti nelle zone dedicate alla raccolta.

È da sottolineare la sinergia e complementarietà tra siti web, profili social ed eventi sul territorio che si è prodotta con questa campagna. Il web conferma la sua natura di servizio, piattaforma di approfondimento e di lavoro (i materiali della campagna scaricabili, le notizie) raggiungendo un pubblico ampio di addetti ai lavori di alcune migliaia di persone già sensibili al tema della sostenibilità ambientale (4.101).

La diffusione sui media regionali e locali dei contenuti della campagna è stata discreta.  33 sono state le notizie pubblicate sui siti istituzionali della campagna; 157 sono state le notizie sul progetto pubblicate sui portali e sui siti web di comunicazione; 14 gli articoli sulla stampa regionale e locale pubblicati; 11 i servizi andati in onda sulle tv regionali e locali.

I social network (Facebook, Youtube, Linkedin) sono stati il diario quotidiano dei tanti eventi ed iniziative (125 sono i post pubblicati su Facebook) ed hanno raggiunto una fascia significativa di popolazione (145.700 solo quelli dei profili gestiti centralmente dal coordinamento della campagna, dato che non include i diversi profili delle organizzazioni aderenti).

Senza questi numeri e modalità di intervento probabilmente non avremmo triplicato l’obiettivo di partenza, infatti il risultato definitivo è di 29.000 scarpe raccolte.

72_OK_DSC0071.jpgLo sport per l’ambiente è invece lo slogan che abbiamo scelto per premiare i Campioni dello sport e le società sportive che hanno prestato la loro immagine per promuovere il progetto. La cerimonia di premiazioni si è svolta il 24 aprile nella sala stampa dello Stadio “Renato Dall’Ara” di Bologna, lo stesso che ha ospitato la nostra organizzazione per una distribuzione capillare di cartoline informative, in occasione dell’incontro di campionato di calcio di serie A Bologna-Chievo dello scorso maggio. Promozione che abbiamo replicato anche alla prima edizione della Volleyball Nations League Maschile, che si è svolta al Pala Panini di Modena dal 22 al 24 giugno, nella quale peraltro è stato organizzato un corner per la raccolta.

Tutto questo si riassume anche nel gioco di squadra realizzato insieme a tante società sportive della nostra regione e altrettanti campioni dello sport, che hanno prestato la loro immagine gratuitamente allo scopo di far crescere l’attenzione sul tema dell’economia circolare e sulla solidarietà per la città di Amandola. Citiamo tra gli altri l’ex bomber del Bologna F.C. 1909 Marco Di Vaio, l’ex cestista Renato Villalta, l’allenatore della S.P.A.L. Leonardo Semplici, gli ex pallavolisti Andrea Giani e Marco Bonitta e l’ex ciclista Stefano Garzelli, senza dimenticare l’apporto dei campioni di oggi che sono l’orgoglio del nostro Paese, dal nuotatore di carature mondiale Marco Orsi, all’ olimpionico di bob a quattro Lorenzo Bilotti, al giovane pallavolista Fabio Ricci, alla campionessa di Tiro al piattello Jessica Rossi, la campionessa di pattinaggio artistico Alessia Orsi, per finire con il campione di Lotta Greco-Roma Daigoro Timoncini, senza nulla togliere a tutti gli altri atleti e atlete che hanno dedicato il loro tempo per sostenere l’ambiente.

Per saperne di più

Pagina Facebook Le tue scarpe al centro

Nella prima foto concessa dal Ceas Terre Reggiane-Tresinaro Secchia, un momento della raccolta a Scandiano (RE) insieme agli alunni della scuola primaria “Lazzaro Spallanzani”. 

Nella seconda immagine di Teatro Binario di Cotignola, il pallavolista di serie A Fabio Ricci, testimonial della campagna.

Nella terza foto un momento della premiazione dei campioni e delle spocietà sportive testimonial, allo Stadio "Renato Dall'Ara" di Bologna.  

Azioni sul documento

pubblicato il 2018/10/16 13:50:00 GMT+1 ultima modifica 2018-10-17T07:44:40+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina