Fondazione per le vittime dei reati

Incontrare la giustizia, incontrarsi nella giustizia. I percorsi di riparazione

Anche la Fondazione a Montecitorio al convegno della Garante dell’Infanzia

Fiducia, incontro, giustizia. Queste le parole chiave proposte da Filomena Albano, Garante nazionale dell’Infanzia e dell’Adolescenza, e riprese da tutti i relatori del convegno "Incontrare la giustizia, incontrarsi nella giustizia" (pdf, 557.6 KB) che si è svolto alla Camera dei Deputati, il 21 marzo scorso, per presentare il documento di studio e di proposta, curato dall’Autorità Garante, in materia di mediazione penale e altri percorsi di giustizia riparativa nel procedimento penale minorile. Le raccomandazioni conclusive sottolineano, tra l’altro, l’importanza di avere almeno un centro per la giustizia riparativa in ogni distretto di Corte d’Appello e di moltiplicare le attenzioni affinché i procedimenti giudiziari minorili favoriscano momenti di riconoscimento reciproco tra autore e vittima del reato, nei quali la persona offesa possa esprimere i propri interrogativi sull’accaduto e l’autore tocchi con mano la sofferenza che ha provocato. Proprio la mediazione penale è stata al centro del confronto, intesa come lo strumento principe dei percorsi di riparazione.

Claudia Mazzuccato, docente all’Università Cattolica di Milano e tra i maggiori studiosi italiani nel settore, ha messo in guardia dal rischio di confondere la giustizia riparativa con il trattamento del reo o con il sostegno alle vittime. Quest’ultimo dovrebbe includere molti altri interventi mirati propriamente alla persona offesa, così come previsto dalla direttiva europea 29 del 2012.

Paquale Bronzo, docente di Procedura penale minorile alla Sapienza di Roma, ha ricollocato la mediazione nei diversi momenti del procedimento giudiziario cogliendone le potenzialità, e Vincenzo Starita, dirigente del Dipartimento di Giustizia Minorile e di Comunità, ha ripreso la sua esperienza di giudice minorile per evidenziare la tensione a coinvolgere i ragazzi che sbagliano in percorsi di cambiamento.

La seconda parte dell’incontro è stata dedicata alle esperienze. L’ha aperta Giuseppe Spadaro, presidente del Tribunale per i Minorenni di Bologna, sottolineando la conflittualità esasperata esistente ormai in tutti i settori della vita sociale e politica e richiamando la necessità di portare la mediazione e la mitezza nella cultura collettiva.

Attraverso una delle storie incontrate dalla nostra Fondazione la direttrice, Elena Buccoliero, ha rilevato come la mediazione penale, momento chiave in un percorso che coinvolga parimenti autore e vittima del reato, contenga implicitamente una quota di strumentalizzazione della vittima se non è preceduta da alcun tipo di sostegno rivolto alla persona offesa di per sé, non in funzione della riabilitazione di chi le ha agito violenza, e ha auspicato una reale applicazione della citata direttiva europea anche nel nostro paese.

Annina Sardara, Giovanni Ghibaudi e Alessandra Mercantini, mediatori penali in Sardegna, Piemonte e Calabria, hanno portato esempi concreti di interventi attuati rispettivamente nei settori del bullismo, dopo violenze sessuali o per reati connessi agli stupefacenti. Tutti hanno ben espresso il valore trasformativo della mediazione e l’importanza che il percorso avvenga in tempi prossimi al reato, possibilmente all’interno delle indagini penali su invio della Procura per i Minorenni prima ancora che nel dibattimento. Questo permette ad autore e vittima di relazionarsi quando ancora sono forti in loro le emozioni e i vissuti connessi ai fatti. Ancora, trattandosi di mediazioni in cui molto spesso sono minorenni, oltre agli autori, anche le vittime, hanno descritto come il lavoro di rielaborazione debba coinvolgere i genitori, anch’essi in difficoltà nell’accettare che il proprio figlio abbia commesso un reato o abbia subito violenza.

L’incontro è stato moderato da Nadia Zicoschi, giornalista Rai, ed è stato introdotto dai saluti di rappresentanti della Camera dei Deputati, del Ministero della Giustizia, del CSM, del Consiglio Nazionale Forense.

Guarda il video dell'incontro dalla WebTv della Camera dei deputati

(Foto della Camera dei Deputati)

 

Azioni sul documento

pubblicato il 2019/03/22 10:44:00 GMT+2 ultima modifica 2019-04-01T00:16:03+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina