Fondazione per le vittime dei reati

Richiesta di intervento

La Fondazione interviene sia quando il reato è compiuto nel territorio regionale sia quando è avvenuto fuori da territorio regionale purché - ma solo in questo ultimo caso - abbia come vittime cittadini emiliano-romagnoli.

La richiesta di intervento della Fondazione deve essere formulata dal Sindaco del Comune in cui si è verificato il fatto o dal Sindaco del Comune di residenza della vittima.
Il Sindaco, valutata la situazione, avanza tempestiva e motivata richiesta, che può essere assunta anche senza una esplicita domanda della vittima o dei suoi familiari.

La richiesta del Sindaco deve avere forma scritta e può essere trasmessa anche per via telematica.

Tale richiesta deve illustrare i motivi e le considerazioni per cui si chiede l’intervento:

  • la descrizione del fatto criminoso;
  • la gravità in sé del reato consumato;
  • i danni che ne sono conseguiti;
  • le necessità impellenti della vittima o dei suoi familiari;
  • la risonanza dell’evento nella comunità locale;
  • le ragioni etiche che inducono a ritenere opportuno l’intervento della Fondazione.

 

Di seguito una traccia da seguire per la redazione della relazione descrittiva della situazione della vittima che può essere allegata o ricompresa nella lettera di richiesta del sindaco

Azioni sul documento
Pubblicato il 22/05/2012 — ultima modifica 05/11/2014
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it