Por Fesr

Progetti di qualificazione di beni ambientali e culturali

Por Fesr 2014-2020, Asse 5, Azione 6.6.1 e 6.7.1 - Contributi per enti locali in forma singola o associata - Presentazione domande dal 21 marzo 2016
Tipologia di bando Agevolazioni, finanziamenti, contributi
Destinatari
  • Enti locali
Ente
  • Regione Emilia-Romagna
Data di pubblicazione 02/01/2016
Scadenza termini partecipazione 30/04/2016 23:55
Graduatorie
Presentazione domanda

Il bando, approvato dalla Giunta regionale con delibera n. 2176 è stata integrata con delibera di Giunta regionale n. 290 del 29 febbraio 2016 (pdf, 452.4 KB) (con la quale sono stati posticipati anche i termini per la presentazione della domanda), intende valorizzare gli attrattori naturali, artistici e culturali che, per rilevanza strategica, sono in grado di migliorare la competitività turistica dei territori interessati e di tutto il sistema regionale coerentemente con le Linee guida regionali per la promozione e la commercializzazione turistica (pdf, 325.6 KB).

Obiettivi

In particolare il bando punta a sostenere progetti che intervengano sulla qualificazione e valorizzazione di attrattori del patrimonio naturale e culturale.

Gli attrattori oggetto dei progetti di riqualificazione e valorizzazione del patrimonio naturale devono essere collocati nelle seguenti aree:

  • appennino emiliano-romagnolo
  • delta del Po
  • distretto turistico balneare della costa emiliano-romagnola.

Gli attrattori oggetto degli interventi di qualificazione e valorizzazione del patrimonio culturale devono essere collocati nelle seguenti aree: 

  • città d'arte dell'Emilia-Romagna
  • aree del sisma del 2012
  • distretto turistico balneare della costa emiliano-romagnola.

Beneficiari

Possono partecipare al bando enti locali in forma singola o associata, loro società in house e altri soggetti pubblici.

L'agevolazione prevista consiste in un contributo a fondo perduto fino a un massimo dell'80% del costo totale ammissibile di ciascun progetto per un valore non superiore a 3,5 milioni di euro. Ciascun progetto dovrà prevedere un costo totale ammissibile non inferiore a 1 milione di euro.

Interventi ammessi

Sono ammesse le spese sostenute e pagate dai beneficiari tra la data di approvazione del bando e il 31 dicembre 2019, in particolare per:

  • interventi tecnici (progettazione, indagini, studi e analisi, direzione lavori, studi di valutazione di impatto ambientale, collaudi, studi di fattibilità economico-finanziaria, perizie e consulenze professionali fino a un massimo del 155 dell'importo a base d'appalto.
  • opere di recupero, qualificazione e valorizzazione dei beni ambientali e culturali
  • sicurezza
  • acquisto e installazione attrezzature, soluzioni tecnologiche e impianti, cablaggio
  • arredi funzionali al progetto
  • acquisto di terreni e immobili.

Scadenze

Al momento della presentazione della domanda i progetti non possono essere già conclusi e i lavori per la loro realizzazione dovranno essere terminati entro il 31 dicembre 2019.

Le domande di contributo possono essere presentate dal 21 marzo 2016 fino al 30 aprile 2016, esclusivamente online, tramite l’applicativo che sarà messo a disposizione su questo sito prima dell'apertura del bando.

 


Per informazioni
Sportello imprese
dal lunedì al venerdì, 9.30-13.00
tel. 848.800.258 (chiamata a costo tariffa urbana, secondo il proprio piano tariffario)
infoporfesr@regione.emilia-romagna.it
Azioni sul documento
Pubblicato il 02/01/2016 — ultima modifica 07/06/2017
< archiviato sotto: , , >
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it