Delegazione presso l'UE: Europass

Workshop on the SIGMA Project and zoonoses data collection

Data di pubblicazione: 15/10/2019

Ambito sintetico: Event report- Salute e benessere degli animali

Sintesi a cura dell'Università di Parma:

Workshop sul progetto SIGMA e la raccolta dei dati sulle zoonosi

È stato organizzato un seminario nell'ambito del progetto di preadesione dell'EFSA 2017-2019, finanziato dalla Commissione europea (CE) attraverso il programma multibeneficiario "Misure preparatorie per la partecipazione dei beneficiari dell'IPA alle agenzie dell'UE". L'obiettivo generale del programma è sostenere misure preparatorie con i paesi in fase di preadesione in vista della loro futura partecipazione alle agenzie dell'Unione europea (UE) prima e dopo l'adesione. Il sostegno mira a integrare il trasferimento di conoscenze e lo sviluppo di capacità nel settore di competenza delle agenzie dell'UE. L'attuale progetto di pre-adesione dell'EFSA dura fino alla fine di maggio 2019 e uno dei principali obiettivi è facilitare la raccolta di dati nei paesi pre-adesione e la comunicazione all'EFSA. L'EFSA ha organizzato una formazione dedicata per fornire ai partecipanti gli elementi principali per comprendere il progetto SIGMA e ulteriori informazioni sui requisiti della raccolta di dati, strumenti di segnalazione e sistema di segnalazione per zoonosi, agenti zoonotici e resistenza antimicrobica (AMR). Questo report degli eventi riassume il background e la logica dell'organizzazione della formazione, della struttura e dei risultati principali.

Il nuovo programma biennale continuerà a basarsi sui progressi compiuti nell'ambito dei programmi degli ultimi anni e a coinvolgere i paesi nel suo lavoro. L'attenzione si concentrerà sul rafforzamento delle capacità di valutazione del rischio, un maggiore coinvolgimento della comunità scientifica dei paesi IPA nei gruppi di lavoro e nei progetti dell'EFSA e per migliorare lo scambio di dati. È essenziale aumentare progressivamente il coinvolgimento dei paesi IPA nelle attività e nelle reti di cooperazione scientifica dell'EFSA e sviluppare reti di esperti per contribuire al lavoro dell'EFSA prima e dopo l'adesione, in particolare nella raccolta e nello scambio di dati armonizzati sulla sicurezza alimentare. La raccolta di dati precisi e affidabili è un prerequisito per la valutazione e la gestione informata dei rischi, in particolare durante le crisi di sicurezza alimentare e i rischi emergenti. Far parte delle reti dell'EFSA andrà a beneficio dei paesi, in quanto possono concentrarsi sulle questioni prioritarie dell'EFSA, individuare i problemi in una fase iniziale, prevenire le crisi alimentari e proteggere i consumatori dai rischi connessi agli alimenti.

Dal 2015, la CE ha conferito mandati dell'EFSA per eseguire analisi epidemiologiche di insorgenze di malattie animali in più paesi come la peste suina africana, la malattia della pelle grumosa e l'influenza aviaria. I risultati scientifici risultanti sono stati rilevanti per la CE al fine di sostenere le loro azioni di gestione per controllare le epidemie.

Al momento, la raccolta di dati sulle malattie degli animali è rappresenta un compito impegnativo sia per l'EFSA che per i fornitori di dati degli Stati membri poiché i modelli di dati non sono completamente armonizzati, la raccolta di dati dell'EFSA non è collegata al sistema di notifica delle malattie degli animali (Animal Disease Notification System, ADNS) della CE, l'invio e la convalida dei dati non sono automatizzati. Lo scambio di dati viene ora effettuato principalmente tramite lo scambio via e-mail di file Excel/xml, che richiede tempo ed è anche soggetto a errori di copia/incolla e non esclude la segnalazione errata di variabili. Pertanto, è evidente la necessità di migliorare la capacità tecnica dell'EFSA di raccogliere dati sulle malattie animali dagli Stati membri e di rendere i processi più automatizzati. I Responsabili dei controlli veterinari (Chief Veterinary Officer, CVO) sostengono inoltre l'EFSA nel continuare e sviluppare ulteriormente le sue attività relative alle epidemie di malattie animali e stimolano la CE a coinvolgere l'EFSA nell'allerta precoce delle epidemie, in particolare per le malattie trasmesse da vettori e quelle con coinvolgimento della fauna selvatica. Fornire tabelle e mappe generate automaticamente e rendere disponibili i dati agli stati membri dopo l'invio faciliterebbe la comunicazione armonizzata tra gli Stati membri e la trasparenza delle prove scientifiche disponibili. Pertanto, è evidente la necessità di migliorare la capacità scientifica e tecnica dell'EFSA di fornire un riscontro tempestivo ai gestori del rischio per sostenere le loro decisioni nella gestione di una situazione in evoluzione delle malattie degli animali nell'UE.

Quando i paesi sono colpiti da un'epidemia, di solito sono molto impegnati a gestire la situazione e vengono costantemente contattati da molti altri paesi/istituzioni che cercano di raccogliere informazioni e preparare le proprie procedure di gestione del rischio. Questa pratica impegna molte risorse e raddoppia gli sforzi in molti paesi, al punto da diventare controproducenti portando a valutazioni incoerenti a causa della disponibilità incompleta dei dati tra i paesi. L'automazione dei processi di raccolta e comunicazione dei dati dell'EFSA sulle malattie degli animali ridurrà le risorse necessarie per presentare i dati, aumenterà la qualità dei dati implementando la convalida dei dati e contribuendo a rendere i dati disponibili in una fase iniziale agli istituti epidemiologici e di valutazione del rischio che a loro volta promuoveranno un'analisi coerente in tutta l'UE. La formazione generale e specifica sulla malattia dei responsabili dell’analisi dei dati e dei valutatori del rischio sarà essenziale per garantire un'attuazione armonizzata. L’archiviazione dei dati relativi alle epidemie e alla sorveglianza delle malattie animali attuali e passate insieme a dati sulle popolazioni animali (compresa la fauna selvatica) nel deposito di dati dell'EFSA e il collegamento del processo di raccolta dei dati con altre risorse, come revisioni le della letteratura (ad esempio DACRAH), la presenza di vettori delle malattie (VECTORNET), la densità dei cinghiali (progetto sulla fauna selvatica) o modelli (ad esempio MINTRISK) e la loro messa a disposizione online per le istituzioni nazionali saranno essenziali per fornire valutazioni del rischio idonee allo scopo in un contesto di cambiamento climatico e per aumentare il commercio internazionale.

Link: https://efsa.onlinelibrary.wiley.com/doi/epdf/10.2903/sp.efsa.2019.EN-1720

Azioni sul documento

pubblicato il 2019/10/15 17:25:00 GMT+1 ultima modifica 2019-10-21T17:25:08+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina