Delegazione presso l'UE: Europass

Evaluation of the health risks related to the presence of cyanogenic glycosides in foods other than raw apricot kernels

Data di pubblicazione: 11/04/2019

Ambito sintetico: Valutazione del rischio

Sintesi a cura dell'Università di Parma:

Valutazione dei rischi di salute relative alla presenza di glicosidi cianogenici in alimenti diversi dai noccioli di albicocca

Nel 2016, il gruppo di esperti scientifici sui contaminanti nella catena alimentare (CONTAM) dell'EFSA ha pubblicato un parere scientifico sui rischi acuti per la salute connessi alla presenza di glicosidi cianogenici (CNG) in noccioli di albicocca, per i quali è stata stabilita una dose acuta di riferimento (ARfD) di 20 μg / kg di peso corporeo (bw) per il cianuro (CN). Nel presente parere, il gruppo CONTAM ha concluso che questo ARfD è applicabile per gli effetti acuti di CN indipendentemente dalla fonte alimentare.

I CNG contengono cianuro legato chimicamente e sono presenti in alimenti come mandorle, semi di lino o manioca. Quando le cellule vegetali sono danneggiate, ad esempio in seguito a macinazione o masticazione, i CNG e i loro enzimi degradanti vengono in contatto, portando a rilascio del cianuro (CN). Il cianuro viene prontamente assorbito dal tratto gastrointestinale e rapidamente distribuito a tutti gli organi. Le concentrazioni massime di cianuro nel sangue e nei tessuti dipendono dalla quantità di CNG nel cibo consumato e dalla velocità di rilascio del cianuro, la quale a sua volta dipende dalla presenza e dall'attività degli enzimi degradanti. In uno studio di biodisponibilità umana, le concentrazioni massime medie di cianuro nel sangue erano diverse dopo il consumo di radice di manioca, semi di lino e persipane (una variante del marzapane ottenuta da noccioli di albicocche e pesche pastorizzati), indicando un rilascio rapido e praticamente completo di cianuro dopo la masticazione di mandorle amare e radici di manioca, ma non con semi di lino e persipane.

Per tenere conto delle differenze nella biodisponibilità del cianuro dopo l'ingestione di alcuni alimenti, sono stati utilizzati fattori specifici. Le esposizioni dietetiche medie stimate al cianuro da alimenti contenenti CNG non hanno superato l'ARfD in qualsiasi gruppo di età. Al 95 ° percentile, l'ARfD è stato superato fino a circa 2,5 volte in alcune indagini rivolte a bambini e gruppi di età adolescenti. I principali contributori all'esposizione sono stati biscotti, succo o nettare e pasticcini e torte che potrebbero potenzialmente contenere CNG. Tenendo conto dei parametri di prudenza nella valutazione dell'esposizione e nella derivazione dell'ARfD, è improbabile che questo superamento stimato provochi effetti negativi. I dati limitati ottenuti da studi su animali e su esseri umani non consentono la derivazione di un valore di guida cronico basato sulla salute (HBGV) per il cianuro e pertanto non è stato possibile valutare la sussistenza di rischi cronici.

Link: https://efsa.onlinelibrary.wiley.com/doi/10.2903/j.efsa.2019.5662 

Azioni sul documento

pubblicato il 2019/04/11 15:35:00 GMT+1 ultima modifica 2019-06-07T16:35:53+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina