Coronavirus: le misure in Emilia-Romagna

Come comportarsi se si proviene da zone a rischio

Le persone che hanno fatto ingresso in Regione Emilia-Romagna dopo il 24 febbraio 2020 provenendo da zone identificate a rischio prima del 9 marzo 2020 (Regione Lombardia e le province di Pesaro e Urbino, Alessandria, Asti, Novara, Verbano-Cusio-Ossola, Vercelli, Padova, Treviso, Venezia. In Emilia Romagna rientrano nella Zona rossa le province di Piacenza, Parma, Reggio Emilia, Modena, Rimini) oppure da Paesi stranieri a rischio identificati tali dall’OMS,

hanno l'obbligo di comunicare tale circostanza contattando la propria AUSL a questi recapiti che attiverà il Dipartimento di Sanità Pubblica per l'adozione della misura di permanenza domiciliare fiduciaria (quarantena) con sorveglianza attiva.

Azioni sul documento

pubblicato il 2020/03/12 10:29:23 GMT+1 ultima modifica 2020-03-12T10:29:23+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina