Consumatori

Realizzato nell'ambito del Programma regionale generale di intervento 2013 con l'utilizzo dei fondi del Ministero dello Sviluppo economico

Volo “rovinato”? Come fare valere i propri diritti e ottenere il rimborso

Non di rado, in aeroporto, accadono imprevisti fastidiosi (e dannosi). Ecco come è possibile far valere i propri diritti e ottenere un risarcimento

Le disavventure in aeroporto sono, purtroppo, all’ordine del giorno e spesso causano disagi e problemi di non poco conto. Dai ritardi ai voli cancellati, dagli scioperi all’overbooking, ai bagagli che sono rimasti altrove, c’è solo l’imbarazzo della scelta. Ecco una guida pratica, proposta da Altroconsumo su come far valere i propri diritti e ottenere un rimborso.

Quando il volo è cancellatoDisagi 2

E’ possibile scegliere tra il rimborso del biglietto e un volo alternativo non appena possibile o in altra data di nostro gradimento. Si ha diritto a eventuali pasti e pernottamenti gratuiti, e a fare due telefonate o mandare due fax o e-mail gratuitamente.

Nel dettaglio, si ha diritto a:

  • 250 € per voli inferiori a 1.500 km;
  • 400 € per voli intra-Ue superiori a 1.500 km e per le altre tratte comprese tra 1.500 e 3.500 km;
  • 600 € per voli extra-UE superiori a 3.500 km.

L’indennizzo non è però dovuto se:

  • la compagnia dimostra che la responsabilità della cancellazione non è sua, ma dovuta a circostanze eccezionali (onere della prova a carico della compagnia);
  • eri stato informato della cancellazione almeno due settimane prima della partenza;
  • ti è stata offerta la possibilità di imbarcarti su un volo alternativo a un orario prossimo a quello originale.

Se ci sono ritardisignore al controllo bagagli in un aeroporto

I passeggeri di voli ritardati hanno diritto alla compensazione in denaro prevista per la cancellazione e l’overbooking quando giungono alla loro destinazione finale 3 ore o più dopo l’orario di arrivo originariamente previsto.

Quindi 2 ore non danno diritto a un risarcimento. L’indennizzo non è dovuto se la compagnia aerea dimostra che il ritardo prolungato è dovuto a circostanze eccezionali che non si sarebbero potute evitare anche se fossero state adottate tutte le misure del caso, circostanze che sfuggono all’effettivo controllo della compagnia aerea.

Ma attenzione: un problema tecnico occorso a un aereo che comporta la cancellazione o il ritardo di un volo non rientra nella nozione di “circostanze eccezionali”, a meno che tale problema derivi da eventi che, per la loro natura, sfuggono all’effettivo controllo da parte della compagnia aerea.

Se il ritardo è di almeno 5 ore, il passeggero ha la possibilità di rinunciare al volo senza dover pagare penali e di ottenere il rimborso del prezzo del biglietto per la parte del viaggio non effettuata. Puoi fare richiesta di risarcimento danni per volo in ritardo utilizzando questo modello di lettera.

Overbookingfile all'imbarco di un aeroporto

Giunto in aeroporto, si scopre che non c’è più posto sul volo nonostante si sia in possesso di una regolare prenotazione. Si chiama overbooking: ma a che cosa si ha diritto? Se si era in possesso di regolare biglietto con prenotazione confermata al check-in in aeroporto e si è arrivati in aeroporto entro l’orario previsto per l’accettazione fissato dalla compagnia aerea, è possibile scegliere tra:

  • il rimborso del prezzo del biglietto;
  • un volo alternativo il prima possibile;
  • un volo alternativo in una data successiva.

Inoltre la compagnia aerea deve pagare immediatamente un indennizzo al passeggero che può variare (a seconda della distanza chilometrica) da 250 a 400 € per i voli fino a 3500 km a 600 € per i voli oltre i 3500 km. 

Se si accetta di viaggiare in una classe inferiore rispetto a quella per cui si ha prenotato, la compagnia deve rimborsare una cifra che può variare (a seconda della distanza chilometrica) dal 30 al 75% del prezzo del biglietto. 

E’ possibile chiedere alla compagnia aerea anche il risarcimento dei danni subiti in conseguenza del mancato imbarco sul volo da te prenotato. Per esempio danno patrimoniale, nei due profili del danno emergente (spese da affrontarsi in conseguenza del mancato imbarco sul volo prenotato: taxi, pernottamento in albergo…) e del lucro cessante (mancato guadagno per la non conclusione di un affare, perdita di ore di lavoro, mancato godimento di alcuni dei giorni di vacanza programmati), nonché della perdita di un’opportunità (eventuale occasione di lavoro sfumata), oltreché danno biologico da stress per i disagi subiti.

Bagagli smarritiinterno di un aereo

Occorre recarsi all'ufficio Lost and found (oggetti smarriti) dell'aeroporto per denunciare lo smarrimento: si dovrà compilare un modulo di reclamo (chiamato Pir), in cui vanno specificate le caratteristiche del bagaglio (dimensioni, colore, modello…). In certi casi la compagnia aerea fornisce un kit di prima necessità. Per avere informazioni aggiornate sullo stato della ricerca chiamate lo stesso ufficio (il numero è sulla copia del modulo di reclamo).

Se la compagnia aerea con cui hai viaggiato utilizza il sistema di tracciamento del bagaglio World Tracer (controllate su www.sita.aero/community-partners/sita-members), potrete avere informazioni tramite il sito dell’aeroporto o della compagnia aerea.

Il bagaglio viene considerato ufficialmente perso se non viene riconsegnato entro i 21 giorni successivi all’arrivo. A questo punto il passeggero può fare reclamo per iscritto (a mezzo raccomandata A/R) alla compagnia aerea, allegando copia del Pir, usando questo modello di lettera. La compagnia aerea è responsabile anche se è esente da colpa, tranne nel caso in cui si tratti di difetto inerente al bagaglio stesso.

Bagagli danneggiatiValigie

Bisogna rivolgersi all'ufficio Lost and found per denunciare il danneggiamento del bagaglio e compilate il modulo di reclamo (Pir), indicando le caratteristiche del bagaglio e i danni subìti. Entro 7 giorni dal vostro arrivo potete presentare reclamo (con raccomandata A/R) alla compagnia aerea, allegando copia del Pir compilato all’arrivo. La compagnia aerea è responsabile anche se è esente da colpa, tranne nel caso in cui si tratti di difetto inerente al bagaglio stesso.

Bagagli in ritardosiluette di un uomo con bagaglio in un aeroporto

La procedura è la stessa prevista per lo smarrimento. Il reclamo deve essere presentato per iscritto (a mezzo raccomandata A/R) alla compagnia aerea entro 21 giorni dalla data di riconsegna, allegando copia del Pir. La compagnia aerea è responsabile a meno che dimostri di aver preso tutte le precauzioni possibili per evitare il ritardo o che fosse impossibile adottare tali precauzioni.

Risarcimenti per smarrimento, danneggiamento, ritardata consegna del bagaglioragazza che impazzisce con aereo sullo sfondo

Per le compagnie aeree comunitarie e per quelle che aderiscono alla convenzione di Montreal (la maggior parte), il risarcimento può arrivare fino a circa 1.167 € per ciascun bagaglio registrato e in relazione al danno effettivamente subito. Per le altre si limita a circa 20 € per kg di bagaglio trasportato.

 

 

Azioni sul documento
Pubblicato il 05/08/2016 — ultima modifica 12/09/2016
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it