Consumatori

Realizzato nell'ambito del Programma regionale generale di intervento 2013 con l'utilizzo dei fondi del Ministero dello Sviluppo economico

Tassa di soggiorno


Cosa fa la Regione

Con decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23,  il Governo Italiano ha introdotto la possibilità per i Comuni di richiedere l’applicazione dell’imposta di soggiorno sul pernottamento nelle strutture alberghiere del proprio territorio.

Nei Comuni dove è applicata, l’imposta grava su chi usufruisce del servizio (il cliente). La struttura ricettiva incassa tale quota quale sostituto d'imposta, per nome e per conto dello Stato italiano.

Pertanto, a seconda della località di destinazioni presso la quale usufruire del soggiorno,  al cliente potrà essere richiesto il pagamento di tale imposta che, indicativamente , è pari ad una quota compresa tra € 2,00 a € 5,00 per persona per notte.

A chi rivolgersi

Servizio Commercio, turismo e qualità aree turistiche
Responsabile: Paola Castellini
Segreteria
viale Aldo Moro, 38
40127 Bologna
tel 051.527.6433 fax 051.527.6599
comtur@regione.emilia-romagna.it
email certificata comtur@postacert.regione.emilia-romagna.it

Azioni sul documento
Pubblicato il 17/02/2014 — ultima modifica 07/07/2014

 

Realizzato nell'ambito del Programma generale di intervento 2013 della Regione Emilia-Romagna con l'utilizzo dei fondi del Ministero dello Sviluppo economico.

 
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it