Consumatori

Realizzato nell'ambito del Programma regionale generale di intervento 2013 con l'utilizzo dei fondi del Ministero dello Sviluppo economico

Last Minute Market

Il progetto Last Minute Market per la Regione Emilia Romagna è promosso dal Servizio Commercio, Turismo e Qualità Aree Turistiche. Last Minute Market, oltre al nome del progetto, è il nome della società spin off dell'Università di Bologna che si occupa da oltre 10 anni della prevenzione e riduzione degli sprechi.

Cosa fa la Regione

Nato nel 1998 come progetto di ricerca del Dipartimento di Economia e Ingegneria Agrarie dell’Università di Bologna, da un’idea del prof. Andrea Segrè, attuale Preside della Facoltà di Agraria, oggi Last Minute Market è un sistema di recupero di beni invenduti a favore degli enti assistenziali. L'obiettivo del progetto Last Minute Market è trasformare lo spreco in risorsa.

Il recupero dei beni alimentari (ma non solo) rimasti invenduti per le ragioni più varie ma ancora perfettamente salubri e utilizzabili, viene concepito come fornitura di un servizio:

  • per chi li produce (involontariamente e accidentalmente): le imprese commerciali;
  • per chi li consuma: i bisognosi attraverso gli enti di assistenza;
  • per le istituzioni pubbliche (comuni, province, regioni, asl) e le società di smaltimento rifiuti che ne conseguono benefici indiretti, sociali ed ambientali, vedendo diminuire il flusso di rifiuti in discarica e migliorando l’assistenza alle persone svantaggiate.

Last Minute Market permette di coniugare a livello territoriale le esigenze delle imprese for profit e degli enti no profit promuovendo nel contempo un'azione di sviluppo sostenibile locale, con ricadute positive a livello ambientale, economico e sociale.

Le attività commerciali, che donano i prodotti invenduti, riducono i costi di smaltimento dei rifiuti, hanno la possibilità di trarre vantaggi di natura fiscale, ottimizzare la logistica dei prodotti che non riescono a vendere ed aumentare la visibilità sul territorio dove operano partecipando ad un’iniziativa di elevato valore etico e morale.

La pubblica amministrazione (Comuni, Quartieri, Province, Regioni, Asl) riscontrano importanti effetti positivi nel territorio in cui operano: diminuiscono i prodotti nelle discariche, migliorano la qualità dell’assistenza fornita a persone svantaggiate.

Le associazioni e gli enti caritativi beneficiari ricevono i prodotti gratuitamente ed hanno la possibilità di destinare la quantità di fondi risparmiata, all’acquisto di beni e servizi di altra natura, migliorando così la qualità dell’assistenza fornita, non solo dal punto di vista della dieta alimentare.

Nel territorio si attiva dunque una rete solidale, dinamica e stabile tra mondo profit e non profit, formata da solide interazioni e scambi di beni e valori attraverso il dono. Il che fa assumere al bene invenduto un valore relazionale oltre che socio-assistenziale.

L’iniziativa permette non solo di sopperire alle necessità materiali, ma assume anche un’interessante valenza educativa nella sensibilizzazione dell’opinione pubblica alle problematiche dello spreco: l’obiettivo “ultimo” di Last Minute Market è infatti di contribuire alla riduzione dello spreco stesso, in tutte le sue forme.

Con il modello Last Minute Market si predispongono tutti gli elementi per poter attivare il recupero dei beni invenduti attraverso una “cabina di regia” capace di coordinare e fornire tutte le competenze necessarie per rendere il recupero dei prodotti invenduti sicuro ed efficiente, applicando protocolli collaudati, fiscali-amministrativi, igienico-sanitari, logistico-organizzativi e comunicativi.

Last Minute Market non gestisce direttamente i prodotti invenduti, non ha magazzini né mezzi propri per il ritiro, ma facilita il contatto diretto tra la “domanda” (le ONLUS) e l'“offerta” (le aziende), riducendo così al minimo i costi di gestione e l’impatto ambientale.

Nel tempo Last Minute Market si è diffuso sul territorio regionale e nazionale, anche grazie al supporto dell’Assessorato Turismo e Commercio della Regione Emilia-Romagna ed in particolare del Servizio Programmazione della Distribuzione Commerciale.

A chi rivolgersi

Servizio Commercio, Turismo e Qualità Aree Turistiche della Regione Emilia-Romagna

e-mail comtur@regione.emilia-romagna.it

tel. 051 5276430 o direttamente Last Minute Market.

Azioni sul documento
Pubblicato il 17/02/2014 — ultima modifica 17/02/2014

 

Realizzato nell'ambito del Programma generale di intervento 2013 della Regione Emilia-Romagna con l'utilizzo dei fondi del Ministero dello Sviluppo economico.

 
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it