Consumatori

Realizzato nell'ambito del Programma regionale generale di intervento 2013 con l'utilizzo dei fondi del Ministero dello Sviluppo economico

Astuccio, diario, zaino: corsa agli acquisti al risparmio

Come ogni anno arriva il momento più temuto dai genitori: la visita di cartolerie e iper­mercati in previsione del suono della campanella.

bimbi in cartoleriaAstuccio, diario, zaino, squadre, matite, penne e chi più ne ha più ne metta. È questo il periodo dell’anno in cui, abbandonate le spiagge, si pensa al corredo scolastico dei propri figli. Una batosta, neanche a dirlo che secondo recenti stime di Federconsumatori e Adusbef costerà, in media, 488 euro a famiglia al netto dell’altra batosta, quella dei libri di testo di cui già abbiamo già trattato su Er-Consumatori in una Inchiesta sulle offerte della grande distribuzione (http://www.regione.emilia-romagna.it/consumatori/inchieste/2012/agosto/al-via-la-rincorsa-agli-sconti-sui-libri-scolastici).

L’incremento, rispetto allo scorso anno, è del 6%: ad aumentare in misura maggiore sono soprattutto i prezzi di zaini trolley e astucci pieni (dei cartoni e di marca). In lieve calo, invece, i costi degli astucci delle serie tv o delle squadre di calcio e il prezzo dei quaderni piccoli, sempre meno utilizzati soprattutto alle elementari e alle medie. Tra l’altro, come in un circolo vizioso, questi aumenti hanno messo in crisi il settore: a confermarlo un’indagine nazionale della Camera di Commercio, dalla quale risulta che i beni prodotti dalle imprese per “scuola e ufficio” sono in evidente flessione.

Consigli utili per non farsi spennarematite colorate

C’è comunque un modo per non restare vittime del caro scuola. Innanzitutto non bisogna avere fretta: è generalizzata, infatti, la cattiva abitudine di acquistare subito tutto quello che servirà nel corso dell’anno. Le scorte di quaderni e penne, ad esempio, si possono anche comprare in un momento successivo approfittando di offerte super scontate che vengono, di solito, proposte ad anno scolastico iniziato.

Regola numero due: avere ben chiaro cosa occorre acquistare. Per questo è necessario fare un’indagine preliminare: al fine di evitare inutili sprechi, occorre verificare il materiale che il bambino già possiede e può essere tranquillamente utilizzato per un altro anno. Ad esempio, con un po’ di manualità si può recuperare lo zainetto dell’anno prima rinnovandolo attraverso l’applicazione di qualche toppa colorata. Oppure si può optare per il baratto: il sito Reoose (www.reoose.com) offre la possibilità di barattare qualunque oggetto, anche gli zainetti. Fatto questo si può passare al capitolo “acquisti”: per quelli di zaini, astucci, diari, quaderni, matite e quant’altro è meglio recarsi in un grande supermercato piuttosto che nella cartoleria sotto casa. Inoltre, ma questo è di gran lunga più complicato, bisognerebbe non cedere alle tentazioni dei nostri figli, soprattutto a quelle orientate a seguire le mode del momento siano esse marchi famosi o personaggi dei cartoni animati.

carta dello studenteSe al supermercato è vero che si può risparmiare fino al 30% (stime Codacons), è anche vero che nei grandi punti vendita si rischia di dissipare tutto il risparmio acquistando anche quello che non serve. Il consiglio, in questo caso, è di “affrontare il nemico” con la lista dettagliata della spesa e, soprattutto, rispettarla. Tuttavia, acquistare presso la Gdo non è l’unico modo per ottenere uno sconto: anche gli studenti delle scuole secondarie superiori che sono in possesso di IoStudio - La Carta dello Studente promossa dal ministero dell’Istruzione - hanno diritto a uno sconto del 10% sull’acquisto di materiale scolastico effettuato presso i negozi convenzionati. Non saranno molti, ma è pur sempre meglio di nulla…

Un discorso a parte lo merita lo zaino. I danni provocati alla schiena dal peso eccessivo delle cartelle sono uno spauracchio per le mamme italiane, ecco perché per ridurre al minimo i rischi, sarebbe bene acquistare una borsa adatta, indipendentemente dalla pubblicità. Il consiglio è quello di non comprare uno zaino e, ancora meno, una cartella, che grava addirittura su una spalla sola. L’ideale per la salute dei ragazzi è il trolley, ossia una borsa con rotelle che consente di trasportare comodamente pesi senza affaticare la schiena. Un’esigenza che non deve essere sfuggita ai produttori, se è vero che proprio i trolley sono i protagonisti dei rincari maggiori di quest’anno.zaini scolastici colorati

La hit degli aumenti nei supermercati

  • Zaini cartoon trolley: +8%
  • Astuccio cartoon (pieno): +7%
  • Astuccio marca (pieno): +7%
  • Astuccio marca (vuoto): +6%
  • Zaino cartoon: +5%
  • Zaino marca trolley: +5%
  • Matite colorate da 12: +5%
  • Diario marca: +4%
  • Zaino asilo trolley: +4%
  • Astuccio cartoon (vuoto): +4%

Fonte: Osservatorio Nazionale Federconsumatori

Azioni sul documento
Pubblicato il 08/09/2012 — ultima modifica 06/09/2012
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it