Consumatori

Realizzato nell'ambito del Programma regionale generale di intervento 2013 con l'utilizzo dei fondi del Ministero dello Sviluppo economico

Salute

Federconsumatori

Più prevenzione e risorse per il Servizio Sanitario Nazionale

Impossibile ignorare e sottovalutare il disagio dei cittadini costretti a pagare e spesso a rinunciare a cure necessarie e prevenzione: prestazioni ridotte, tempi di attesa incompatibili, ticket e super ticket… tutti elementi che sono divenuti insostenibili per molti cittadini.

Federconsumatori ribadisce l’urgenza di garantire il diritto alla salute a tutti i cittadini, superando le crescenti disuguaglianze ed esclusioni. È indispensabile, inoltre, investire nei servizi pubblici e nella prevenzione, per contrastare la crescente rinuncia alle cure da parte dei cittadini e impedire lo spostamento, più o meno esplicito, di risorse dal Servizio Sanitario Nazionale alla sanità privata.    

Infine chiediamo di smentire il progetto di possibili esperienze di welfare aziendale, che Federconsumatori giudica non compatibile con il Servizio Sanitario Nazionale e gravemente pericoloso e dannoso per la salute dei cittadini.

Tutti questi elementi rischiano di compromettere ulteriormente la qualità dei servizi e riducono le possibilità di accesso alle cure da parte dei cittadini.

Azioni sul documento
Pubblicato il 26/04/2017 — ultima modifica 26/04/2017
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it