Consumatori

Realizzato nell'ambito del Programma regionale generale di intervento 2013 con l'utilizzo dei fondi del Ministero dello Sviluppo economico

Luce e gas, "buone pratiche" per abbassare la bolletta

Efficienza energetica degli elettrodomestici, manutenzione dei vecchi impianti, illuminazione a basso consumo, uso razionale del riscaldamento: “buone pratiche” casalinghe per risparmiare e salvaguardare l’ambiente

Le temperature proprie della stagione autunnale e i rincari - annunciati dall’Autorità dell’Energia – di luce e gas fanno sì che sia tempo di prestare particolare attenzione ai consumi domestici e ai loro riflessi sulle bollette. Ecco una serie di consigli utili e di “buone pratiche” per risparmiare.

Quattro strategie da adottareRisparmi casa 1

Secondo il portale Facile.it sono quattro le strategie da adottare e riguardano: l’efficienza energetica degli elettrodomestici; la manutenzione dei vecchi impianti; l’illuminazione a basso consumo; l’uso razionale del riscaldamento;

Efficienza energetica degli elettrodomestici

L’acquisto di elettrodomestici in classe A+++, a fronte di un investimento iniziale che può sembrare costoso, consentirà un notevole risparmio in bolletta recuperando ampiamente la spesa iniziale. Fino al 31 dicembre, inoltre, è possibile usufruire degli ecobonus del 50% per l’acquisto di elettrodomestici a fronte di lavori di ristrutturazione. Una volta acquistati gli elettrodomestici giusti, bisognerà utilizzarli in maniera intelligente: occhio, quindi, a non lasciarli in stand-by o a non sfruttarli al meglio (meglio lavatrici a pieno carico, evitare ove possibile di aprire il frigo troppo spesso...).

Manutenzione o sostituzione dei vecchi impianti

È necessario provvedere a far eseguire una corretta manutenzione della caldaia per verificare e mantenere l’efficienza dell’impianto. Ricordiamo che sono stati appena introdotti dall’Ue nuovi standard di efficienza per le apparecchiature destinate al riscaldamento: quelle obsolete potranno essere vendute solo fino a esaurimento degli stock. In questo caso potrebbe convenire approfittare degli ecobonus del 65% per lavori di riqualificazione energetica sostituendo ad esempio gli impianti obsoleti con pompe di calore o caldaie a condensazione (che consentono un risparmio del 20-30% in bolletta).

Illuminazione a basso consumo

Per chi non l’avesse ancora fatto, la sostituzione delle lampadine tradizionali con quelle a risparmio energetico è un primo passo fondamentale verso il risparmio in bolletta. Si può scegliere tra le lampadine a Led e quelle fluorescenti che, sì, hanno un prezzo superiore rispetto alle altre, ma assicurano consumi decisamente più bassi. La soluzione ideale sarebbe quella di diminuire i punti luce in casa, ma per risparmiare basta anche ricordarsi di non lasciare le luci accese quando siamo fuori o nelle stanze che non stiamo utilizzando mentre siamo in casa.

Utilizzo razionale dei riscaldamenti

Bisogna evitare, innanzitutto, la dispersione del calore chiudendo porte e finestre negli ambienti riscaldati e ricordandosi di non coprire in alcun modo i termosifoni. Se l’impianto è autonomo, il termostato va impostato a 20 gradi, che saranno sufficienti per riscaldare la casa e consentiranno di risparmiare quasi il 10% sui consumi. Inoltre, qualora non fossero presenti, sarà utile installare valvole termostatiche per diversificare la temperatura in base agli ambienti della casa e alle fasce orarie (quest’ultimo accorgimento è sempre più utilizzato anche negli impianti condominiali centralizzati, in modo da ripartire i costi secondo i consumi).

Come non sprecare energia in casaRisparmi casa

Tanti suggerimenti utili per non sprecare energia in casa vengono anche da Altroconsumo.

Di tutta l’energia che consumiamo – sottolinea Altroconsumo - il 35% viene usata in casa, dunque è proprio dalla casa che deve partire il risparmio. Per alleggerire le bollette di casa puoi pianificare una serie di interventi professionali che migliorino l’isolamento dell’abitazione. Certo, questo ti richiederà un investimento iniziale ma – grazie alle detrazioni fiscali – il 65% della spesa potrà essere recuperato. Ecco dove puoi intervenire:

Se proprio stai pensando a risparmi sopra il 70% puoi optare per un impianto rinnovabile: se ti spaventa il prezzo elevato, puoi aderire all’iniziativa di CasaRinnovabile.it e ottenere fino a 2.000 euro di sconto sul prezzo dell'impianto.

Piccoli gesti quotidianiRisparmio energetico home

Non solo grandi interventi, anche piccoli accorgimenti possono far risparmiare denaro e risorse. Ecco quali:

  • sostituisci le vecchie lampadine con led o fluorescenti compatte;
  • spegni l’aria condizionata quando esci e imposta la corretta temperatura quando la usi;
  • se la doccia dura 5 minuti anziché 10 riduci la CO2 e con i riduttori di flusso risparmi anche energia;
  • chiudi il rubinetto mentre ti lavi i denti o ti fai la barba;
  • usa sempre le lavatricea pieno carico e con i programmi a basse temperatura, i detersivi sono comunque efficaci;
  • sbrina il freezer quando serve;
  • tieni la temperatura del riscaldamento tra i 18 e i 20 °C;
  • spegni la luce in casa quando non serve;
  • scegli una lavatrice classe A++ e non metterla in funzione se non a pieno carico;
  • quando possibile stendi il bucato all’aria aperta piuttosto che usare un’asciugatrice.
Azioni sul documento
Pubblicato il 06/10/2015 — ultima modifica 21/10/2015
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it