Consigliere di parità

Domande frequenti

1. Chi deve compilare il rapporto?

  • Le aziende private che al 31 dicembre del secondo anno del biennio occupano oltre 100 dipendenti (da 101 in poi)
  • Le aziende pubbliche che al 31 dicembre del secondo anno del biennio occupano  oltre 100 dipendenti (da 101 in poi):
    • imprese a partecipazione statale
    • aziende autonome dello Stato
    • aziende regionali e degli enti locali
    • Aziende Sanitarie Locali
    • enti autonomi di gestione che amministrano le partecipazioni statali
    • enti pubblici economici

 

2. Chi non è obbligato a compilare il rapporto?

  • gli enti pubblici non economici
  • gli enti locali (Regioni, Province Comuni e le Comunità montane).
  • istituzioni scolastiche
  • associazioni

Non sono obbligati a compilare il rapporto, ma lo possono redigere spontaneamente.

 

3. Come calcolare il numero degli occupati?

Per il calcolo degli occupati vanno considerati tutti i lavoratori con un contratto di lavoro subordinato (inclusi quindi i cassintegrati, i dipendenti in aspettativa, le lavoratrici in maternità) al 31 dicembre del secondo anno del biennio di riferimento.
Vanno esclusi gli eventuali lavoratori subordinati a domicilio

 

4. Come va calcolato il numero dei part-time?

 Il numero dei part-time va calcolato in base al numero di persone che sono dipendenti a part-time, e NON in base alle unità di lavoro

 

5. Come classificare i soci di cooperative?

  • indicare il numero totale dei soci lavoratori nelle note (Tabella 1)
  • suddividere i soci lavoratori in relazione alle relative mansioni

 

6. A chi deve essere inviato il rapporto?

  • alla Consigliera regionale di parità della Regione ove è ubicata la sede legale
  • alle Consigliere regionali di Parità delle Regioni ove insistono le unità produttive con oltre 100 dipendenti
  • alle rappresentanze sindacali aziendali o unitarie.

 

7. Come comportarsi in caso di fusione con altra azienda, avvenuta nel biennio di riferimento?

  • L’azienda assorbita non deve compilare il rapporto
  • Il rapporto va compilato, invece, dal nuovo complesso societario (indicare nelle note della Tabella 1 l’avvenuta fusione)

 

8. Come comportarsi in caso di fallimento dell’azienda nel biennio di riferimento?

 Qualora il fallimento sia antecedente al 31 dicembre del secondo anno del biennio il rapporto non deve essere compilato

 

9. Come comportarsi in caso di modifica della ragione sociale dell’azienda?

 Compilare indicando la ragione sociale risultante al 31 dicembre del secondo anno del biennio

 

10. Che cosa fare se l'azienda con oltre 100 dipendenti ha sede legale in Emilia-Romagna, ma il personale è dislocato in maggioranza in altre Regioni?

  • Inviare il rapporto alla Consigliera di Parità della regione in cui vi è la Sede Legale
  • Inviare copia alla/e Consigliera/e delle Regioni in cui hanno sede le unità locali con più di 100 dipendenti

 

11. In quali casi vanno compilate le tabelle aggiuntive al rapporto principale per ulteriori unità locali?

Compilare la Tabella 2 e le Tabelle 3 e 8, per ogni unità locale superiore ai 100 dipendenti

Azioni sul documento
Pubblicato il 12/01/2012 — ultima modifica 13/03/2012
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it