Consigliere di parità

Finanziamento di progetti finalizzati alla conciliazione tra vita lavorativa e vita familiare - Art.9 L. 53 2000

L´art. 9. della L. 8 marzo 2000, n. 53 modificato dall´Art. 38, della L. 18 giugno 2009, n. 69, promuove e incentiva azioni volte a conciliare tempi di vita e di lavoro. I progetti in favore di datori di lavoro privati, comprese le imprese collettive, iscritti in pubblici registri, di aziende sanitarie locali, di aziende ospedaliere e di aziende ospedaliere universitarie, che attuino accordi contrattuali, prevedono diverse tipologie di azioni positive.

Tipologie di azioni positive:

  1. progetti articolati per consentire alle lavoratrici e ai lavoratori di usufruire di particolari forme di flessibilità degli orari e dell'organizzazione del lavoro, quali part time reversibile, telelavoro e lavoro a domicilio, banca delle ore, orario flessibile in entrata o in uscita, sui turni e su sedi diverse, orario concentrato, con specifico interesse per i progetti che prevedano di applicare, in aggiunta alle misure di flessibilità, sistemi innovativi per la valutazione della prestazione e dei risultati;
  2. programmi ed azioni volti a favorire il reinserimento delle lavoratrici e dei lavoratori dopo un periodo di congedo parentale o per motivi comunque legati ad esigenze di conciliazione;
  3. progetti che, anche attraverso l'attivazione di reti tra enti territoriali, aziende e parti sociali, promuovano interventi e servizi innovativi in risposta alle esigenze di conciliazione dei lavoratori. Tali progetti possono essere presentati anche da consorzi o associazioni di imprese, ivi comprese quelle temporanee, costituite o costituende, che insistono sullo stesso territorio, e possono prevedere la partecipazione degli enti locali anche nell'ambito dei piani per l'armonizzazione dei tempi delle città. 

Destinatari dei progetti:
Lavoratrici o lavoratori, inclusi i dirigenti, con figli minori, con priorità nel caso di disabilità ovvero di minori fino a dodici anni di età, o fino a quindici anni in caso di affidamento o di adozione, ovvero con a carico persone disabili o non autosufficienti, ovvero persone affette da documentata grave infermità.

Il Comma 3 prevede, inoltre, che una quota delle risorse sia impiegata per l´erogazione di contributi in favore di progetti che consentano ai titolari di impresa, ai lavoratori autonomi o ai liberi professionisti, per esigenze legate alla maternità o alla presenza di figli minori ovvero disabili, di avvalersi della collaborazione o sostituzione di soggetti in possesso dei necessari requisiti professionali.

COMUNICATO DELLA RETE DELLE CONSIGLIERE DI PARITA'
In merito alla progettazione di azioni per il finanziamento di cui all´art.9 della L.53/2000, in virtù di quanto affermato nella Guida alla compilazione del piano finanziario e della rendicontazione, si ricorda che i costi di consulenza debbono rispettare i limiti previsti per ogni macrovoce. Per la consulenza alla progettazione, sul territorio regionale, pare essere diffusa la consulenza "Salvo buon fine".
Le Consigliere di Parità provinciali e regionali dell´Emilia-Romagna, in relazione al finanziamento di azioni di conciliazione di cui all´art.9 della L.53/2000 - promosse dalle reti territoriali, dalle singole imprese, da professionisti/e, da imprenditori/trici e altri soggetti ammessi - sosterranno progetti se coinvolte sin dalla fase di progettazione ed in stretta relazione con gli eventuali tavoli territoriali sulla conciliazione costituiti. 

Art. 9 - Legge 8 marzo 2000, n. 53  (pdf, 19.3 KB)
modificato dall' Art. 38 - Legge 18 giugno 2009, n. 69
"Misure per conciliare tempi di vita e tempi di lavoro"

Scheda di sintesi nuovo art. 9 L. 53 - Azioni possibili 
(pdf, 1.3 MB)
Materiale informativo a cura della Consigliera di parità Rosa M. Amorevole

Guida alla compilazione e alla presentazione dei progetti (pdf, 547.5 KB)
Guida a cura del Dipartimento della Famiglia, con i commenti di Roberto Sgarro.
Roberto Sgarro. Direzione provinciale del lavoro di Bologna

 

Bando 2011

 

Azioni sul documento
Pubblicato il 12/01/2012 — ultima modifica 19/06/2015
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it