Consigliere di parità

Programma Obiettivo - Presentazione delle richieste per il finanziamento delle azioni positive - Art. 44 D.Lgs. 198/2006

Programma-obiettivo per l'incremento e la qualificazione della occupazione femminile, per il superamento delle diparità salariali e nei percorsi di carriera, per la creazione, lo sviluppo e il consolidamento di imprese femminili, per la creazione di progetti integrati in rete.

Il Comitato Nazionale di parità formula, ogni anno un  Programma obiettivo nel quale vengono indicate le tipologie di progetti di azioni positive che intende promuovere, i soggetti ammessi per le singole tipologie ed i criteri di valutazione. Viene pubblicato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

L'accesso ai contributi è disciplinato dall'art. 44 del decreto legislativo 198/2006. Le modalità di presentazione della domanda ed erogazione dei contributi sono previste dal Decreto interministeriale 15 marzo 2001 - "Disciplina delle modalità di presentazione, valutazione e finanziamento dei progetti di azione positiva per la parità uomo-donna nel lavoro di cui alla legge 10 aprile 1991, n. 125" (pubblicato sulla G.U. del 9.6.2001 - Serie generale - n. 132) 

Termine di presentazione: 30 novembre di ogni anno

Programma obiettivo 2012 (pdf, 372.7 KB)
Ministero del Lavoro e delle politiche sociali, 30 luglio 2012. Pubblicato sella sezione Pubblicità Legale del sito del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali al numero di repertorio 41/2012.

Le azioni positive sono iniziative finalizzate a:

  • favorire l'occupazione femminile
  • realizzare l'uguaglianza sostanziale tra uomini e donne nel lavoro 
  • rimuovere gli ostacoli che di fatto impediscono la realizzazione di pari opportunità 
  • eliminare le disparità per le donne nell'accesso al lavoro, nello sviluppo della carriera e nelle situazioni di mobilità 
  • incentivare la diversificazione nelle scelte di lavoro attraverso l'orientamento scolastico e la formazione professionale 
  • superare i fattori che nell'organizzazione del lavoro hanno un diverso impatto sui sessi e creano discriminazioni 
  • promuovere l'inserimento delle donne nei settori professionali in cui sono sottorappresentate
  • favorire anche mediante una diversa organizzazione del lavoro, l'equilibrio tra responsabilità familiari e professionali

Modulo di presentazione dei progetti
(rtf, 148.6 KB)
(allegato al decreto interministeriale 15 marzo 2001)

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali
Pagina del sito del Ministero dove trovare informazioni utili alla presentazione dei progetti

Programma obiettivo 2011 (pdf, 256.3 KB) (pdf, 256.3 KB)
Ministero del Lavoro e delle politiche sociali, 2 agosto 2011, Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 178 del 2 agosto 2011
 

Riferimenti normativi:

D.Lgs. 11 aprile 2006 n. 198 "Codice delle pari opportunità tra uomo e donna"
Art. 44 "Finanziamento"

Decreto Interministeriale 15 marzo 2001 (pdf, 97.4 KB)
"Disciplina delle modalità di presentazione, valutazione e finanziamento dei progetti di azione positiva per la parità uomo-donna nel lavoro di cui alla L. 125/1991"
Ministro del lavoro e della previdenza sociale; Ministro del tesoro, del bilancio e della programmazione economica; Ministro per le pari opportunità, 15 marzo 2001

Azioni sul documento
Pubblicato il 12/01/2012 — ultima modifica 09/12/2014
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it