Sezioni

Agenzia di informazione e comunicazione

Regione. Nuovo taglio ai costi della politica, l’Assemblea legislativa approva la riduzione dei vitalizi erogati agli ex consiglieri. La soddisfazione del presidente Bonaccini

Dopo l’abolizione del vitalizio per i consiglieri in carica. Tra le novità introdotte, l’innalzamento dell’età per accedere all’assegno, il versamento di un contributo di solidarietà e il divieto di cumulo con altri vitalizi. Oltre 1 milione di euro risparmiati nei prossimi tre anni: andranno a lavoro e microcredito per il sostegno all’imprenditorialità. Un risultato che si somma ai provvedimenti assunti a inizio legislatura: il taglio ai costi della politica di 15 milioni e la riorganizzazione dell’Ente, che porterà 36 milioni di risparmi entro fine mandato

09/05/2017 14:36

Bologna - Nuovo taglio dei costi della politica in Regione Emilia-Romagna, dove l’Assemblea legislativa ha approvato oggi la riforma dei vitalizi erogati a ex consiglieri e assessori regionali. I vitalizi sono infatti stati eliminati da questa legislatura e non verranno quindi percepiti dai consiglieri e dagli assessori attualmente in carica e da quelli eletti in futuro, che non godranno nemmeno del Trattamento di fine rapporto.

Tra le novità introdotte, l’innalzamento progressivo dell’età per percepire l’assegno, uniformata, per i consiglieri che non hanno ancora compiuto i 60 anni, a quella per la pensione di vecchiaia dei dipendenti pubblici; la riduzione dei vitalizi erogati attraverso il contributo di solidarietà per 36 mesi, e il divieto di cumulo con altri istituti analoghi. Sul sito dell’Assemblea legislativa saranno pubblicati i nomi degli ex consiglieri ed ex assessori regionali che percepiscono il vitalizio.

Nei prossimi tre anni verrà così risparmiato oltre un milione di euro, risorse che saranno destinate prioritariamente, come prevede la norma approvata, al finanziamento delle politiche di sicurezza, legalità e qualità del lavoro, sostegno al microcredito per lo sviluppo dell'imprenditorialità, reinserimento lavorativo e inclusione sociale.
Le misure contenute nella riforma puntano alla riduzione della spesa in continuità con la legge regionale n.1 del 12 marzo 2015, la prima approvata in questa legislatura con il voto unanime dell’Aula e che portò la Regione Emilia-Romagna, prima in Italia, a ridurre l’indennità di carica mensile dei consiglieri, a sopprimere il fondo per le spese di funzionamento dei Gruppi e ad eliminare l’indennità di fine mandato, oltre, appunto, alla cancellazione dei vitalizi.

Soddisfatto il presidente della Giunta regionale, Stefano Bonaccini, che sottolinea come questo mandato si sia aperto con un taglio netto, pari a 15 milioni di euro, ai costi della politica, a cui si aggiungeranno i risparmi, circa 36 milioni, ottenuti entro la fine della legislatura grazie alla riorganizzazione dell’Ente, a partire dal dimezzamento delle direzioni generali.
Le nuove regole approvate oggi, aggiunge il presidente, si collocano quindi nel solco sia dei provvedimenti voluti dall’Assemblea legislativa con il contributo di tutti, maggioranza e opposizione, sia di quelli già assunti dalla Giunta regionale, che ha fatto della sobrietà il cardine della propria azione di governo. /EC

« Torna all'archivio

Azioni sul documento

pubblicato il 2015/01/29 22:27:00 GMT+2 ultima modifica 2018-01-02T19:06:34+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?