Sezioni

Agenzia di informazione e comunicazione

RPT con titolo e testo corretto. Il presidente Bonaccini incontra Gessica Notaro all’ospedale Bufalini di Cesena: “Le ho portato l’abbraccio di tutta la comunità regionale. Saremo accanto a lei e ai suoi familiari”

Con l’assessore Petitti in contatto diretto con la mamma della ragazza, cui hanno assicurato vicinanza e impegno: “La Regione intende costituirsi parte civile, lo dobbiamo a Gessica e a tutte le donne che subiscono violenza”

12/01/2017 17:31

Bologna – “Ho voluto portare a Gessica l’abbraccio di tutta la comunità regionale, dirle che non è sola e che non lo sarà nei mesi a venire. Davvero per tutto ciò che potremo fare, saremo accanto a lei e ai suoi famigliari”. Il presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini, questa mattina all’ospedale Bufalini di Cesena ha incontrato Gessica Notaro, la ragazza sfregiata in volto con l’acido due giorni fa a Rimini, fatto per il quale è stato arrestato l’ex compagno. Con Bonaccini anche l’assessore alle Pari opportunità, Emma Petitti.

Bonaccini e Petitti hanno poi contattato direttamente la mamma di Gessica, cui hanno assicurato vicinanza e impegno, a partire dalla decisione di voler costituire la Regione parte civile nell’ambito del procedimento penale relativo all’attacco di cui è rimasta vittima la ragazza.
“Crediamo si tratti di un gesto importante- sottolinea il presidente della Giunta- espressamente previsto dalla legge quadro regionale per la parità e contro le discriminazioni di genere di fronte a casi di violenza di particolare impatto e rilevanza sociale nella vita della nostra comunità. Lo dobbiamo a Gessica e a tutte le donne che subiscono violenza. Ma quello che serve- sottolinea Bonaccini- è innanzitutto un cambio di passo culturale, in una società che deve lasciarsi alle spalle logiche di violenza inaccettabili, per abbandonare definitivamente modelli sociali e educativi nei quali la prevaricazione maschile verso le donne è ritenuta normale o quasi, a partire dai piccoli gesti quotidiani".

« Torna all'archivio

Azioni sul documento

pubblicato il 2015/01/29 22:27:00 GMT+2 ultima modifica 2018-01-02T19:06:34+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?