Agenzia di informazione e comunicazione

Territorio. Reggiolo (Re) approva il primo Piano urbanistico generale con la nuova legge regionale: 13 ettari in meno di consumo di suolo, riqualificazione e più opportunità per le imprese

L’assessore Donini: “La nuova legge urbanistica funziona e sta dando gli effetti che avevamo auspicato”. Il sindaco Angeli: “Un buon Piano da una buona legge che ha snellito le procedure, dato agli enti locali più capacità decisionale e la possibilità di velocizzare le iniziative imprenditoriali”

29/11/2018 15:25

Bologna – È Reggiolo (Re) il primo Comune dell’Emilia-Romagna che adotterà il proprio piano urbanistico generale (Pug) secondo le nuove regole contenute nella legge regionale approvata meno di un anno fa, a dicembre 2017.

Questa sera l’Assemblea comunale assumerà infatti il nuovo Piano che traccia la strategia urbana del futuro Reggiolo. A partire dal consumo di suolo a saldo zero così come indicato tra gli obiettivi prioritari della legge regionale: non ci saranno più aree di espansione residenziale, mentre si attiveranno politiche di incentivazione per la riqualificazione urbana, con possibilità di aumenti anche di superficie a fronte di un miglioramento energetico.

“Oggi si parte davvero. Con l’approvazione del primo piano urbanistico generale a Reggiolo, il futuro del territorio dell’Emilia-Romagna, che abbiamo voluto tracciare con la nuova legge urbanistica, inizia a prendere vita- afferma l’assessore alla Programmazione territoriale, Raffele Donini-. Il sindaco del Comune ha già dimostrato nei fatti che qualcosa che prima era impensabile, adesso è possibile. Il nuovo piano arriva all’approvazione in meno di anno, quando prima ce ne volevamo 10, e tra sei mesi potranno già esserci i primi accordi operativi col risultato che si danno risposte immediate alle esigenze attuali di Reggiolo. E poi taglia 13 ettari di consumo di suolo, favorendo il recupero di quanto già costruito, con ricadute positive sull’ambiente e il paesaggio.  Infine, incide sulle aree delle imprese riqualificando gli spazi e permettendo ampliamenti delle attività esistenti per lo sviluppo di una buona occupazione.  Un piano quindi che riduce l’urbanizzazione senza fermare lo sviluppo riqualificando e migliorando- conclude Donini- quello c’era già per rendere la città più bella e più vivibile. La legge urbanistica funziona e i risultati cominciano ad essere evidenti”.

“In meno di un anno dall’introduzione- aggiunge il sindaco, Roberto Angeli- siamo riusciti ad arrivare al primo traguardo. È un buon Piano che deriva da una buona legge che ha snellito le procedure, dato agli enti locali più capacità decisionale e la possibilità di velocizzare le iniziative imprenditoriali. Dopo l’approvazione e la pubblicazione del Pug inizierà il periodo delle osservazioni con il piano già operativo”.

 

Tema centrale nel Pug di Reggiolo, come detto, è l'azzeramento del consumo di suolo per 13 ettari complessivi e la promozione di politiche di incentivazione per la riqualificazione urbana.

Ampio spazio è stato dato alle politiche ambientali e di rigenerazione del paesaggio per migliorare e riambientare le aree protette, come le valli di Reggiolo e Novellara.

Per le aree produttive sono previste politiche per la riqualificazione e il riuso degli spazi dismessi con la possibilità di ampliamenti delle attività esistenti e già insediate.

Per le imprese, infine, la possibilità di espansione vicino alla zona industriale Rame, futura sede del nuovo casello della Cispadana./BB

« Torna all'archivio

Azioni sul documento

pubblicato il 2012/11/14 15:56:46 GMT+2 ultima modifica 2018-01-02T17:48:37+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina