Agenzia di informazione e comunicazione

After Futuri Digitali, la società contemporanea e la sua trasformazione digitale. A Reggio Emilia dal 19 al 21 ottobre la seconda edizione del festival nazionale della cultura digitale

L’assessore Donini: “Banda ultra larga, rete gratuita e formazione importanti fattori di accelerazione dell’economia e della comunità emiliano-romagnola”. Tre giorni di conferenze, workshop, spettacoli e una grande area espositiva aperta a tutti per fare il punto sulla trasformazione tecnologica della società contemporanea

10/10/2018 13:07

Bologna – La nuova società dell’innovazione tecnologica si presenta a Reggio Emilia: dal 19 al 21 ottobre 2018 la città è pronta ad ospitare la seconda edizione di After Futuri Digitali, il festival nazionale della cultura digitale.  

Con circa 80 appuntamenti in calendario tra workshop, conferenze, eventi, spettacoli teatrali e tantissimi ospiti ed esperti come Salvatore Aranzulla, Stefano Bartezzaghi, Umberto Galimberti, Federico Taddia, Alessio Viola,  la tre giorni reggiana sarà l’occasione per fare il punto sull’infrastruttura pubblica regionale a banda ultra larga, sulle innovazioni al servizio delle città e delle persone e sulla trasformazione tecnologica della società contemporanea: dalla cultura al lavoro, dalla scuola alle imprese e alla Pubblica amministrazione.
E non mancherà una grande area espositiva con le demo di ultima generazione per toccare con mano e sperimentare le applicazioni più innovative, dalla robotica alle intelligenze artificiali. 

Nato nell’ambito dell’Agenda digitale dell’Emilia-Romagna, il Festival promosso da Regione, Comune di Reggio Emilia, Fondazione Palazzo Magnani e Lepida Spa, è stato presentato oggi a Bologna dall’assessore regionale alla Programmazione territoriale e agenda digitale, Raffaele Donini, dal quello del Comune di Reggio Emilia, Valeria Montanari, dal presidente di Lepida, Alfredo Peri, e dal presidente della Fondazione Palazzo Magnani, Davide Zanichelli.

“La Regione Emilia-Romagna crede da sempre che il digitale possa essere il fattore di accelerazione dell’economia e della società regionale- ha spiegato l’assessore Donini-. Per questo abbiamo investito in infrastrutture come la banda ultra larga i cui cantieri sono oramai aperti in oltre 50 Comuni e che entro tre anni interesserà tutto il territorio regionale. Per questo abbiamo investito in una rete regionale di WiFi libero, veloce e gratuito con oltre 4.000 punti EmiliaRomagnaWiFi. E per questo, infine, abbiamo investito in competenze digitali per gli adulti e per i giovani nelle scuole. Siamo di fronte ad una trasformazione che deve vedere protagonisti e beneficiari gli emiliano-romagnoli”.

Gli obiettivi della manifestazione sono stati sottolineati dall’assessore del Comune di Reggio Emilia, Montanari: "La trasformazione digitale è nel nostro agire quotidiano: nella vita professionale, casalinga, nel tempo libero. Organizzare un Festival che la racconti è stata una sfida e una bella opportunità per Reggio Emilia e per tutti i partners di questa avventura. After non vuole essere festival del 'digitale a ogni costo', ma spazio di riflessione e divertimento con tanti ospiti e collaboratori, per raccontarci ciò che siamo già oggi e prefigurarci cosa potremmo trovare nell'immediato futuro”.

Soddisfazione è stata espressa dal presidente Peri: “Con grande piacere sosteniamo e organizziamo il Festival convinti che accanto al fondamentale sviluppo delle infrastrutture in tutto il territorio ci deve essere anche la condivisione della cultura digitale. Dalla sanità, all’educazione e formazione, passando per la Pubblica amministrazione tutto può essere migliorato: sabato 20 ottobre, Lepida organizza due tavole rotonde, su intelligenza artificiale e su big data, per mettere in luce gli impatti attuali e futuri sulla Pubblica amministrazione”.

 “Abbiamo colto immediatamente la possibilità di collaborare con Regione e Comune mettendoa disposizione competenze, luoghi e idee- ha aggiunto Il presidente Zanichelli-. Per il festival abbiamo realizzato, insieme alla Fondazione nazionale della danza Aterballetto, la produzione ‘Maps 1:610’, un incontro tra arte e digitale”.

Cosa c’è in programma
Cultura e creatività, educazione, economia della conoscenza sono i fili conduttori della manifestazione che sarà inaugurata venerdì 19 ottobre. Il taglio del nastro nell’area espositiva dei Chiostri di San Domenico con l’assessore regionale Raffaele Donini e il sindaco di Reggio Emilia, Luca Vecchi.

Tra i principali appuntamenti della giornata di apertura, la conferenza “Un anno dopo: i 10 fatti che cambiarono la Pubblica amministrazione”, dedicata alla presentazione dei risultati raggiunti dalle comunità tematiche dell'Agenda digitale dell’Emilia-Romagna, anticipati a Modena alla prima edizione di After, al confronto con i principali stakeholders nazionali dell'innovazione digitale. Sarà poi consegnato un premio a tutti i protagonisti di questo percorso.

All’economia della conoscenza e ai cambiamenti innescati dalle tecnologie digitali nel mondo del lavoro, sono dedicati numerosi appuntamenti a cominciare da “I mestieri del digitale”, workshop che analizza come cambiano professioni e competenze. L’incontro tra digitale, cultura e creatività è invece al centro di “Maps 1.610”, la performance del pittore Jorge R. Pombo e dei ballerini del coreografo Saul Daniele Ardillo, che verrà riproposta ogni giorno.

Di educazione e di come imparare a rapportarsi e utilizzare le tecnologie parlano “Social Family”, l’incontro con il giornalista Federico Taddia sul rapporto tra adolescenti, genitori e tecnologia, e uno dei principali gli appuntamenti di sabato 20 ottobre dal titolo “Il sindaco e Aranzulla”, dialogo tra il sindaco di Reggio Emilia e il giovane divulgatore informatico fondatore dell’omonimo portale con milioni di visualizzazioni e tutte le risposte ai quesiti tecnologici.

Domenica 21 ottobre, l’ultima giornata del festival sono molte le proposte in calendario. Tra le tante si segnalano due appuntamenti che indagano il rapporto tra cultura, creatività e digitale: la lectio magistralis "Il nuovo io",del filosofo e psicanalista Umberto Galimberti e “Il cruciverba digitale” creato da Stefano Bartezzaghi, un gioco con le parole e il lessico dell’era digitale.
In chiusura lo spettacolo teatrale “Fatti di numeri”, del Teatro dell’Orsa, che racconta in modo originale le storie nascoste negli Open data del Comune di Reggio Emilia.

Infine, nelle tre giornate, sarà sempre aperta un’area espositiva nei Chiostri di San Domenico dedicata alle Demo più innovative del momento per “vivere” le applicazioni digitali con prototipi e simulatori sotto la guida di esperti.  Molto spazio anche al divertimento con “Meet The G.a.s.” con tante attività - hackathon, workshop, stand gastronomici e momenti ludici - che animeranno la manifestazione con la partecipazione di esperti, agronomi, produttori locali dei Gruppi di acquisto solidale.

E After sarà molto presente anche sui social network alla pagina Facebook.com/AfterFuturiDigitali e su Twitter.com/FestivalAfter  #AfterFestival18 e Instagram.com/AfterFuturiDigitali.
Gli eventi sono gratuiti e aperti a tutti: informazioni e iscrizioni online sul sito https://www.afterfestival.it./Eli.Co.


In allegato le immmagini della conferenza stampa

« Torna all'archivio

Azioni sul documento

pubblicato il 2012/11/14 14:56:46 GMT+1 ultima modifica 2018-01-02T16:48:37+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina