Agenzia di informazione e comunicazione

Lavoro. L’assessore Patrizio Bianchi: “La Regione ha stanziato i fondi necessari, non sono i Centri pubblici per l’impiego che licenziano e non è un problema di risorse. Da parte nostra, grande attenzione per chi rischia di perdere il posto, in campo tutte le azioni di sostegno possibili”

14/09/2017 17:33

Bologna – “Abbiamo condiviso e avviato da tempo un percorso chiaro di accreditamento dei soggetti privati e le risorse per i servizi per il lavoro non mancano: la Regione ha stanziato ai primi di luglio 8 milioni di euro che si aggiungono agli oltre 100 milioni che investe ogni anno per garantire i servizi e un’offerta formativa qualificata e capillare. Ribadisco la nostra piena solidarietà nei confronti dei lavoratori delle società private che svolgono attività presso i Centri per l’impiego della Città metropolitana di Bologna e che hanno avviato procedure di licenziamento. Seguiamo questa vicenda con grande attenzione e metteremo in campo tutte le azioni di sostegno possibili per i lavoratori, ma deve essere chiaro che chi licenzia sono soggetti privati e non i centri per l’impiego”. Così risponde l’assessore regionale al Lavoro, Patrizio Bianchi, alle notizie e alle dichiarazioni uscite sulla stampa in questi ultimi giorni.
“I soggetti privati in possesso dei requisiti necessari possono accreditarsi e continuare ad erogare direttamente alle persone servizi finanziati dalla Regione- spiega l’assessore-. Si tratta di un nuovo modello, coerente con l’impostazione nazionale e con le scelte condivise con le parti sociali fin dal 2015.
“Il decreto legislativo 150/2015, che riordina la materia dei servizi per il lavoro e delle politiche attive, introduce il diritto delle persone di scegliere autonomamente a quale soggetto privato rivolgersi per l’erogazione dei servizi concordati con un Centro pubblico per l’Impiego- continua Patrizio Bianchi-. In coerenza con quanto previsto dalla normativa nazionale e per rafforzare la qualità dei servizi rivolti a chi cerca e offre occupazione, la Regione già nel 2016 ha avviato le procedure per l’accreditamento per i servizi per il lavoro e per la costruzione della Rete Attiva per il lavoro, coordinata dall’Agenzia per il Lavoro e oggi costituita dai 38 centri per l’impiego e da 20 soggetti privati accreditati, con oltre 170 sedi operative diffuse sul territorio regionale. Per una prima attuazione di questo modello, come ho già detto, sono stati stanziati a luglio i primi 8milioni di euro che si aggiungono alle risorse che la Regione investe ogni anno”.
“Per quanto riguarda l’operatività dei centri per l’impiego, che svolgono un ruolo chiave in questo impianto pubblico-privato, abbiamo praticamente chiuso con il Governo un Piano di rafforzamento delle politiche attive del lavoro triennale che prevede su base nazionale l’inserimento di 1.600 operatori nei centri per l’impiego pubblici”, conclude l’assessore.  /BM

« Torna all'archivio
Azioni sul documento
Pubblicato il 14/11/2012 — ultima modifica 14/11/2012
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it