Agenzia di informazione e comunicazione

Via ai lavori per la nuova seggiovia del Corno alle Scale

CORNO ALLE SCALE, VIA AI LAVORI PER LA NUOVA SEGGIOVIA. 2,5 MILIARDI DI FINANZIAMENTI PER RIVOLUZIONARE ENTRO L’ESTATE LE "PISTE DI TOMBA". L’ANNUNCIO DELL’ASSESSORE CAMPAGNOLI OGGI A LIZZANO PER DISCUTERE IL PROGRAMMA SPECIALE D’AREA.

28/01/1999 13:07

Rivoluzione in arrivo sulle piste di Alberto Tomba. Per la prossima stagione sciistica sarà pronta la nuova seggiovia quadriposto Direttissima destinata a cambiare il volto del Corno alle Scale, la stazione di turismo bianco dei bolognesi. La Direttissima sarà lunga 904 metri, con un dislivello di 218 metri, e potrà portare 2.400 persone all'ora: prenderà il posto di quattro delle sciovie attuali, da abbattere entro l'estate per restituire al verde una vasta area del Parco del Corno alle Scale e del Parco del Frignano. Il via libera ai lavori è stato annunciato questa mattina dall'assessore regionale alle Attività Produttive Duccio Campagnoli che ha presentato in Comune, a Lizzano in Belvedere, la delibera di finanziamento della Direttissima e gli interventi di rilancio per turismo e artigianato previsti dal Programma speciale d'area Valle del Reno. La Corno alle Scale Spa, titolare degli impianti, ha ottenuto tramite la Regione un contributo di 2 miliardi e mezzo dal Cipe a favore delle aree depresse; a questi fondi si aggiungeranno quelli stanziati dalla Spa, 1 miliardo e mezzo, per un costo complessivo di 4 miliardi. "Questa scelta - ha detto Campagnoli - esprime la convinzione che sia importante investire nel comprensorio del Corno alle Scale come patrimonio del turismo bianco e verde della nostra regione. Corno alle Scale e Valle del Reno rappresentano un centro vitale per il nuovo sviluppo sostenibile dell'area metropolitana bolognese".

Con la delibera regionale parte il conto alla rovescia per l'aggiudicazione dei lavori della seggiovia Direttissima, che dovranno essere appaltati entro maggio e completati per novembre. Per il rilancio turistico e artigianale della zona, inoltre, il Programma speciale Valle del Reno prevede il recupero dell'ex colonia Ferrarese di Lizzano, da destinare a centro servizi per il turismo, l'urbanizzazione dell'area artigianale Panigale Due sempre a Lizzano, e la ristrutturazione della piscina Conca del Sole di Vidiciatico con annesso parco giochi. Proprio sul Programma, ha fatto sapere l'assessore, martedì scorso Campagnoli ha incontrato le associazioni imprenditoriali del commercio, dell'artigianato e del turismo del comprensorio e della provincia, invitandole a entrare nella società pubblica Bellappennino: "I privati - ha detto Campagnoli - possono e devono diventare protagonisti di nuovi investimenti e assumere un ruolo forte nella valorizzazione del Corno alle Scale".

La nuova seggiovia Direttissima è il primo intervento di riduzione dell'impatto ambientale nell'Appennino sciabile. Nel comprensorio del Corno alle Scale, che si estende nei Comuni di Lizzano in Belvedere e di Fanano, sono ora in funzione 3 seggiovie (le biposto del Cavone e del Campo scuola e la quadriposto del Corno Alto), e 6 sciovie, per una portata complessiva di 10 mila persone all'ora, a servizio di 36 chilometri di piste (2 nere, 5 rosse, 3 blu), servite all'85% da impianti di innevamento artificiale. Ci sono anche piste di fondo: 3 anelli per complessivi 5 chilometri. Il nuovo impianto servirà fin dalla stagione '99-2000 quattro piste e un incantevole fuori pista, consentendo di ridurre, insieme, i costi di gestione e l'impatto ambientale della stazione sciistica. La seggiovia quadriposto consentirà infatti di razionalizzare l'intero sistema di risalita, demolendo le sciovie Val di Goro, La Polla e Direttissima: la nuova seggiovia Direttissima prende il posto - sullo stesso tracciato - dell'attuale sciovia Direttissima, con arrivo 100 metri più in basso, dall'attuale Campo scuola fin sotto il Lago Scaffaiolo. Con la nuova sistemazione viene completamente risistemata e ripiantumata una vasta area tra il Parco del Corno alle Scale e Parco del Frignano, mentre il progetto rende possibile il potenziamento della pista da snowboard e la realizzazione di uno spazio per i bob destinato ai bambini. Sotto il profilo gestionale, la Corno alle Scale Spa risparmierà notevolmente sui costi di gestione, revisione e innevamento delle quattro vecchie sciovie. Con un ulteriore investimento di 1 miliardo e mezzo sarà inoltre possibile, in futuro, raddoppiare velocità e portata della Direttissima installando l'agganciamento automatico degli sciatori e prolungare il tracciato a valle per altri 200 metri (una volta approvato il piano del Parco)./PM

ALLEGATI: Corno alle Scale, il 2000 metri dei bolognesi

L’identikit della nuova seggiovia Direttissima

Emilia-Romagna, il turismo bianco in cifre

(Su richiesta, via e-mail: mappa degli impianti prima e dopo)

CORNO ALLE SCALE, IL 2000 METRI DEI BOLOGNESI

Collocato nella Valle Dardagna, il Corno alle Scale forma uno dei comprensori sciistici più interessanti dell’Appennino, sia per la conformazione del terreno, sia per l’esposizione e lo sviluppo delle piste che, partendo da quota 1945 metri, scendono su ampie pendici e plateau fino a 1358 metri di altitudine con tracciati per sciatori di tutti i livelli.

Il Corno è da sempre la montagna dei bolognesi ed è su queste piste che Alberto Tomba, accompagnato dal padre Franco, mosse i primi passi da sciatore. Il comprensorio bolognese, esteso fra Corno alle Scale e Lago Scaffaiolo, nella stagione ‘98-’99 punta soprattutto sui pacchetti agevolati per gruppi organizzati e scuole. Le tariffe comprendono mezza pensione in hotel, skipass, pranzo in alta quota, scuola di sci con due ore al giorno, pronto soccorso e bus-navetta. Si parte da 142 mila lire per due giorni fino alla 550 mila per la settimana bianca. Per chi cerca anche un diversivo allo sci sono disponibili anche attività didattiche legate alla cultura dell’ambiente con visite guidate al parco del Corno alle Scale, al laboratorio e alle strutture del Centro Visita di Pianaccio. C’é poi la possibilità di visite al museo etnografico della civiltà montanara di Poggiolforato. Il Corno dispone di 34 alberghi per 1600 posti letto ai quali si aggiungono oltre 9000 posti letto extralberghieri.

L’IDENTIKIT DELLA NUOVA SEGGIOVIA DIRETTISSIMA

Nome: Seggiovia Direttissima

Modello: Quadriposto

Lunghezza: 904 mt

Dislivello: 218 mt

Portata oraria: 2.400 persone

Piste servite: 4

Tracciato: dall’attuale Campo scuola al Lago Scaffaiolo

Optional: prolungabile di altri 200 metri

Raddoppio velocità e portata con agganciamento automatico

In demolizione: le sciovie Val di Goro, La Polla e Direttissima

Costo complessivo: 4 miliardi

Contributo Cipe: 2,5 miliardi

Autofinanziamento Corno alle Scale Spa: 1,5 miliardi

EMILIA-ROMAGNA, IL TURISMO BIANCO IN CIFRE

18 stazioni sciistiche da Piacenza a Forlì

220 Km di piste da slalom e discesa

fino a 3 chilometri di pista continua

fino a 600 metri di dislivello

168 km di piste da fondo

50 km lunghezza del comprensorio

sciistico più esteso (il Cimone)

120 impianti di risalita

170 alberghi, con 7mila posti letto

20mila posti letto totali fra alberghi, residence,

ostelli, rifugi, alloggi in affitto

150 giorni l’anno di apertura impianti

200-300 cm. di precipitazioni nevose l’anno

(Fonte: Apt Emilia-Romagna)

« Torna all'archivio

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina