Agenzia di informazione e comunicazione

Treni. La Regione Emilia-Romagna investirà circa 40 milioni di euro nel biennio 2020-2021 per l’ammodernamento e la messa in sicurezza delle linee ferroviarie nel reggiano

Entro il 2020 saranno elettrificate la Reggio-Guastalla e la Reggio-Sassuolo e l’anno successivo anche la Reggio-Ciano per un totale di circa 20 milioni di euro. Stanziati ulteriori 7 milioni di euro per il completamento dell’installazione sulle prime due linee del Sistema di controllo marcia treno (Scmt)

23/01/2020 19:47

Bologna – La Regione Emilia-Romagna ha avviato un massiccio piano di interventi che prevede un investimento complessivo di circa 40 milioni di euro nei prossimi due anni per l’ammodernamento e la messa in sicurezza delle linee ferroviarie reggiane. Un piano in corso di attuazione che punta a migliorare la puntualità dei treni e qualità del servizio offerto ai viaggiatori e che andrà a regime entro il 2021.         

 Nel dettaglio, sulle due linee Reggio-Guastalla e Reggio-Sassuolo è in fase avanzata di realizzazione il progetto di elettrificazione, per un investimento complessivo di circa 20 milioni di euro, che si concluderà alla fine del 2020. Entro il 2021 sarà elettrificata anche la linea Reggio-Ciano d’Enza, che da sola comporta un investimento di 12 milioni di euro.

 L’elettrificazione delle tre linee ferroviarie consentirà l’utilizzo di treni  più moderni, performanti ed affidabili in sostituzione di quelli attualmente in circolazione, ormai datati. La sostituzione è già prevista nell’ambito del progetto di rinnovo dell’intera flotta ferroviaria che si sta completando per tutto il servizio ferroviario regionale. Dal 2021, quindi, i nuovi treni elettrici comincieranno a circolare sulle due linee Reggio-Guastalla e Reggio-Sassuolo;  dall’anno successivo novità riguarderà anche la Reggio-Ciano d’Enza.   

 L’elettrificazione non l’unica sostanziale novità destinata a migliorare il servizio e ridurre i disagi per i pendolari. Sulla Reggio-Guastalla e  sulla Reggio-Sassuolo, come del resto su tutta la restante rete ferroviaria regionale, è in fase di completamento l’installazione del Sistema di controllo marcia treno (Scmt), un sistema automatizzato che aumenta notevolmente gli standard di sicurezza e con essa la qualità del servizio. Per le due linee in questione l’investimento complessivo per l’installazione del Scmt è di 7 milioni di euro.

 E non è tutto. Oltre agli investimenti sopra descritti, sono già stati realizzati o in fase di realizzazione altri importanti interventi nelle due linee in questione. Nello specifico sulla Reggio-Guastalla parliamo dei  lavori di consolidamento della massicciata ferroviaria nella tratta Novellara-Guastalla, per aumentare gli standard di sicurezza, affidabilità e velocità. Altri interventi riguardano la riqualificazione di 10 fermate con la posa di nuove pensiline; l’installazione, in corso,  del nuovo apparato di controllo della stazione di Guastalla; l’installazione di monitor nelle stazioni per dare informazioni puntuali ed aggiornate agli utenti. Infine è stata avviata la manutenzione straordinaria dei ponti ferroviari.

 Per quanto riguarda la Reggio-Sassuolo i principali interventi già realizzati o in corso di completamento consistono nell’allungamento, completato nel 2017, del binario di incrocio in località Bosco: un intervento che consente un miglior incrocio tra treni, in particolare quelli merci, con benefici anche sul servizio passeggeri; realizzare di barriere antirumore a Scandiano e Casalgrande; riqualificazione stazioni e rifacimento marciapiedi di Scandiano e Sassuolo; soppressione di un passaggio a livello a Bosco; investimenti di manutenzione straordinaria sulla linea; installazione di monitor alle stazioni per dare informazioni all’utenza, infine manutenzione straordinaria dei ponti ferroviari.

 Oltre agli interventi sopra descritti, in tutte e tre le linee sono programmati ulteriori investimenti per la soppressione di passaggi a livello. Infine nello scorso mese di dicembre sulla Reggio-Sassuolo si sono svolti lavori urgenti di manutenzione ordinaria della massicciata, che hanno determinato un conseguente miglioramento della puntualità dei treni.

Per quanto riguarda la richiesta di incontro, non ancora avvenuto, con il vicepresidente della Regione, avanzato a metà dicembre dai sindaci di Bagnolo in Piano, Guastalla, Novellara e Luzzara, nel reggiano, lo stesso vicepresidente chiarisce che la mancata convocazione è dovuta ad un disguido organizzativo. Il vicepresidente proprio oggi ha telefonato al sindaco di Bagnolo in Piano per scusarsi dell’accaduto, escludendo la volontà di non incontrare le Amministrazioni locali e offrendo immediatamente la disponibilità ad un incontro la prossima settimana. Peraltro, è stato sottolineato, in questi anni gli incontri con le Amministrazioni comunali sono stati molto frequenti./G.Ma

« Torna all'archivio

Azioni sul documento

pubblicato il 2018/01/02 18:14:04 GMT+1 ultima modifica 2018-09-17T15:52:50+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina