Certificati, estratti, copie di atti

Per ottenere il rilascio di certificati inerenti le Persone giuridiche private, si richiede l’inoltro di un’istanza in bollo[1] (salvo esenzioni di legge) debitamente sottoscritta dal Legale Rappresentante dell’Ente, con la quale si precisa il tipo di certificazione richiesta (ad esempio: Certificato di iscrizione/vigenza dell’Ente o certificato riportante i componenti dell’organo amministrativo dell’Ente od altro) e l’uso per la quale la stessa viene richiesta.

All’istanza deve essere obbligatoriamente allegata una marca da bollo libera che l’ufficio provvederà ad apporre sul certificato rilasciato.

E’ parimenti necessario presentare istanza in bollo debitamente sottoscritta dal Legale Rappresentante dell’Ente nei seguenti casi:

  • per il rilascio di copie di atti e provvedimenti della Regione inerenti le Persone giuridiche private;
  • per ottenere copie od estratti di pagine del Registro regionale inerenti ad una Persona giuridica.

La Regione si riserva di stabilire eventuali diritti da corrispondere per ogni copia richiesta.

Si ricorda che attualmente le certificazioni rilasciate dalla Pubblica Amministrazione sono utilizzabili solo nei rapporti tra privati, mentre nei rapporti con la Pubblica Amministrazione i certificati e gli atti di notorietà sono sempre sostituiti da dichiarazioni sostitutive e autocertificazioni.

La Regione ha recentemente realizzato la decertificazione del Registro delle Persone Giuridiche. Per reperire tutte le informazioni relative agli enti iscritti è sufficiente accedere alla Banca Dati On line.



[1] La marca da Bollo deve avere data identica o precedente a quella apposta sull’istanza in oggetto.

Qualora gli atti e i documenti non siano bollati o risultino bollati in maniera irregolare (art.19 del D.P.R. 642/72) l’ufficio ricevente ha l’obbligo di inviarli entro 30 giorni all’Agenzia delle Entrate competente per la regolarizzazione.

L’eventuale invio all’Agenzia delle Entrate per la regolarizzazione non inficia il corretto svolgersi del procedimento di competenza regionale né la validità dell’atto conclusivo.

Azioni sul documento

pubblicato il 2014/11/28 00:10:57 GMT+2 ultima modifica 2014-11-28T01:10:00+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina